Seguici su

Cerca nel sito

#Fiumicino Via Coni Zugna, ‘Sono ormai decine le mammografie saltate per un guasto al macchinario”

Poggio, Gonnelli, De Vecchis: "Il nostro territorio continua a pagare anni di assoluto menefreghismo da parte dalla Regione Lazio"

Il Faro online – “Da alcuni giorni al poliambulatorio di via Coni Zugna all’Isola Sacra è per l’ennesima volta fuori uso lo strumento per effettuare le mammografie. Inutile sottolineare l’importanza dello screening per la prevenzione di una delle neoplasie purtroppo più diffuse tra le donne”, dichiarano in una nota i consiglieri comunali Federica Poggio, Mauro Gonnelli e William De Vecchis.

“Sono saltate decine e decine di visite – spiegano i consiglieri – già prenotate ma la Regione Lazio, più volte avvertita, non ha ancora effettuato la sostituzione del macchinario né evidentemente intende farlo visto che non è la prima volta che si hanno problemi per effettuare lo screening. Eppure è proprio di questi giorni la campagna strombazzata dallo stesso Zingaretti per la prevenzione del tumore al seno”.

“Insomma – prosegue la nota congiunta – da una parte il presidente della Regione chiede alle donne di non prendere sotto gamba questa patologia oncologica dall’altra però non fa nulla per sostituire gli strumenti mal funzionanti. Il nostro territorio, al di là degli annunci, continua a pagare anni di assoluto menefreghismo da parte degli enti predisposti, in primis dalla Regione Lazio. Sono anni che denunciamo la necessità di dotare Fiumicino di un vero pronto soccorso. Serve un potenziamento dei presidi sanitari, un serio investimento nel settore sanitario. Siamo un Comune che ha ormai raggiunto gli 80mila abitanti e che contando l’aeroporto ogni giorno vede transitare sul proprio territorio altre decine di migliaia di persone”.

“La Regione Lazio – concludono Gonnelli e De Vecchis – non può continuare a far finta che non esistiamo. Dispiace che il sindaco Montino e tutta la maggioranza di centrosinistra su questo continuino a far finta di nulla solo ed esclusivamente per ordini di partito”.