Seguici su

Cerca nel sito

Scuole a #Ostia, Laboratorio Civico X ‘Basta chiacchiere dai 5 stelle’

Arcamone e Cavino: "Istituiremo subito un tavolo di lavoro condiviso".

Il Faro on line – “Un Municipio abbandonato. Una Sindaca che annuncia la sua presenza, “Roma ascolta Roma”, per sentire i cittadini e non si presenta. La sua Delegata che nell’incontro parla, si allontana, ma non ascolta nè dà la parola ad Associazioni, famiglie dei disabili, docenti, Assistenti educativi (Aec), cooperative, cittadini” – sono le parole di Mirella Arcamone e Gianluca Cavino, candidati con la lista Laboratorio civico X per Franco De Donno Presidente.

“Ed oggi, annunci elettorali. Chi amministra già da 15 mesi non fa annunci. Ascolta, trova soluzioni e risorse e agisce.  È chiaro che siamo di fronte ad un “nuovo”, piuttosto immobile, quando non incompetente. Laboratorio civico X è in questo Municipio un” nuovo” trasparente, partecipato, tecnicamente pronto.
Dagli Asili nido  e le Scuole d’Infanzia (posti insufficienti, rapporti pubblico-convenzionato, incentivo di un privato di qualità) alle Scuole Superiori (spazi, numero e collocazione licei, orientamento, insufficienza offerta e spazi nell’entroterra, rivalutazione Istituti tecnici e professionali e della formazione professionale), il vuoto.

Su questioni generali come inclusione reale, piena, razionalizzata e condivisa diversamente abili, Assistenza Educativa (con relativi bandi, fondi, tempistica) e Specialistica, integrazione positiva studenti stranieri, messa a norma delle strutture, con promozione ed implementazione per l’acquisizione di risorse ad hoc (vedi anche Sportello progettazione Europea)

Per la pianificazione a tappeto organica e razionale della prevenzione della dispersione e dell’abbandono (oltre ai bandi con fondi ad hoc, la migliore valorizzazione delle risorse del territorio in termini di Associazioni di volontariato) Per piani di promozione e riqualificazione della scuola in zone a rischio. Per il miglior utilizzo delle risorse economiche e professionali nel territorio provenienti da bandi provinciali/europei, del servizio civile e Garanzia Giovani.

Per la massima valorizzazione di un’Alternanza Scuola Lavoro davvero formativa e sicura (albo delle Aziende virtuose). La  scuola sarà uno dei fuochi del nostro impegno. Molteplici sono i problemi della scuola e  delle scuole del  Municipio, alcuni possono essere affrontati direttamente dal Municipio, altri lo possono vedere promotore di soluzioni, in quanto ente di prossimità.

Ci impegniamo ad istituire immediatamente il Consiglio Scolastico territoriale, convocato e coordinato dal Municipio con la presenza dei diversi livelli dell’Amministrazione, dell’Ufficio Scolastico Regionale, delle diverse componenti scolastiche (Dirigenti, docenti, genitori, studenti), Rappresentanze Sindacali e delle Associazioni rappresentative, con le rappresentanze dell’imprenditoria e del commercio.

Diventerà uno  strumento fondamentale per l’esercizio del diritto allo studio, via imprescindibile di sviluppo personale, di conquista dell’autonomia economica, di contrasto economico, sociale e culturale alle mafie (si consideri che già dalle scuole medie i ragazzi sono a rischio manovalanza criminalità. Un dato: l’Istituto Amendola Guttuso  non ha una Prima media quest’anno!).

Sarà un Osservatorio permanente sulle problematiche scolastiche, luogo in cui si analizzeranno e questioni in funzione di ricerca condivisa e sistematica di soluzioni alle diverse, gravi questioni in campo. Agirà direttamente e come forma di pressione sulle Istituzioni coinvolte (il Municipio è decisore solo in alcune delle questioni esistenti)” – conclude la nota.