Seguici su

Cerca nel sito

Ostiamare, Cristian Bellini, ‘Siamo cresciuti molto, dare il massimo sempre’

Parla il centrocampista lidense, alla vigilia della partita con il San Teodoro, in casa. Non indietreggia l’Ostiamare dei 13 punti raggiunti. Si va avanti, con lo stesso spirito di squadra. Amicizia compresa

Ostiamare, Cristian Bellini, ‘Siamo cresciuti molto, dare il massimo sempre’

Il Faro on line – Terza posizione in solitaria, per questa Ostiamare che, nelle prime giornate di campionato, sta confermando quanto visto in campo, lo scorso anno. I ragazzi di mister Greco fecero un finale al sole, conquistando anche la semifinale di play off.

Stagione odierna. Stesso entusiasmo e stessa determinazione. Come lo scorso anno.

Anno nuovo e vita nuova in campionato, ma la musica sembra non cambiare. 13 punti nel girone G e vento in poppa. Carattere, determinazione e fantasia in campo. Tanta. I nuovi acquisti e i nuovi arrivi, anche dalle giovanili, lo hanno confermato. Segnano tutti, anche i difensori. Proietti, anchorman provetto davanti allo schermo, dopo la splendida diretta apparsa sulla pagina ufficiale Fb di Gazzetta Regionale, in cui l’attaccante biancoviola ha dato dimostrazione di primeggiare e non solo sulla tre quarti verde, imitando in modo eccellente Federico Buffa, si affianca agli altri compagni che stanno facendo bene. Roberti ancora una volta, ravviva un attacco ottimo e il numero 9 lidense sta aumentando gol ed entusiasmo per i suoi.

Direzione settima giornata. Dopo la vittoria importante in Sardegna

Si sta aprendo allora, la strada per un altro appuntamento. La settima giornata si svolgerà domenica. Dopo il successo in trasferta, raggiunto con il Latte Dolce per 1 a 0, un’altra compagine sarda si staglia sulla strada dei biancoviola.

Domenica 15 ottobre, partita in casa, con il San Teodoro

Il San Teodoro arriverà ad Ostia, per raddrizzare una situazione difficile in classifica. Ultimissima in graduatoria, con soli 3 punti in bacheca. Si immagina allora una partita semplice per l’Ostiamare. Ma in campo, non è detto e nel calcio, gioco e giocatori sempre possono cambiare azioni e risultati: “Ogni gara fa storia a sé”. Lo ammette Cristian Bellini. Alla vigilia della partita con la squadra di mister Monticciolo, il centrocampista, nato e cresciuto ad Ostia, invita i compagni a non abbassare la guardia: “Non guardiamo la classifica. Bisogna dare il massimo, come sempre. Non sarà facile. Mettiamo in cascina più punti possibili e continuiamo ad aiutarci”.

Tutti amici, quasi fratelli. In campo e fuori

Un grande gruppo di amici. E non solo in campo. Questo è il segreto per Bellini. Seconda stagione con l’Ostiamare quest’anno ed è diventato ormai uno dei simboli di questa squadra. Una colonna del gioco di centrocampo, insieme al capitano Adriano D’Astolfo, con cui condivide reparto e vita quotidiana. Tutti insieme, sempre. Allenamenti, partite e cene: “La cosa bella che sto vivendo in questo anno e mezzo, è la grande unione di intenti con i compagni”. Dice il numero 8 biancoviola.

La grande forza dell’Ostia. Impegno in allenamento e spirito di squadra

Si sa che l’amicizia forgia in seguito, anche il gioco in campo e i risultati lo dimostrano. Tre vittorie consecutive in torneo, con la qualificazione ai sedicesimi di Coppa Italia da giocare il 6 dicembre, con la Nuorese. Il talento si condisce quindi, alla forza del gruppo: “Siamo cresciuti molto. Questo secondo me, è dovuto agli allenamenti in cui ci impegniamo al mille per mille”. E’ sincero Cristian. Lo dichiara, nell’intervista rilasciata a Riccardo Troiani, dell’Ufficio Stampa della società lidense: “C’è tanto da migliorare. Per questo, bisogna allenarsi ancora con più impegno. Una cosa che qui all’Ostiamare, ho acquisito con più forza e consapevolezza”. La mentalità è fondamentale. E’ una linea guida. Un’idea che poi si allarga a macchia d’olio in tutti i componenti del team. E’ di abitudine nella società del Presidente Lardone. Anche per il settore giovanile. Umiltà, lavoro, impegno e poi successi, come risultato.

Il Capitano D’Astolfo, emblema dell’unione del gruppo

Insieme al capitano D’Astolfo, Bellini forma una straordinaria coppia sul rettangolo di gioco. I gemelli del centrocampo. Simili e da incastro, sul campo. Ognuno reciprocamente si compensa. E’ la squadra che ne risente positivamente, poi. Cristian racconta: “Una grandissima intesa. Un fratello maggiore. Simili nel gioco e nel carattere. Adriano è l’emblema del grande spirito di squadra che ha preso questo gruppo”.

E i 13 punti nel girone G, lo testimoniano. Il campionato è lungo ma l’Ostiamare sta dimostrando di esserci. Presente ed insistente.

Foto : Claudio Spadolini