Seguici su

Cerca nel sito

Crisi idrica, i Sindaci del #Sudpontino incontrano Acqualatina

E' stato richiesto, tra le altre cose, che, le bollette sul consumo dell'acqua nei periodi interessati dall'emergenza idrica, vengano adeguatamente ridotte.

Il Faro on line – Ieri, presso la sede dell’Ato 4 di Latina, il sindaco di Formia Sandro Bartolomeo ha incontrato l’amministratore delegato di Acqualatina Raimondo Besson e i tecnici dell’ente gestore. Con lui i colleghi primi cittadini del sud della provincia e il presidente dell’Ato Eleonora Della Penna.

Unitariamente, i sindaci del comprensorio hanno avanzato al gestore la richiesta di incrementare le fonti di approvvigionamento idrico per far fronte alla carenza d’acqua che da mesi imperversa sul territorio attraverso i seguenti interventi: completamento campo pozzi in località Acerbara; collegamento tra Cellole e il territorio laziale con una condotta dedicata capace di apportare ulteriori 150 litri al secondo; realizzazione del collegamento tra il porto e la condotta principale di Formia al fine di consentire alle navi cisterna di scaricare acqua a seconda delle necessità (a tal proposito, Acqualatina ha confermato che i lavori di realizzazione della condotta, al via nei prossimi venti giorni, saranno finalizzati esclusivamente al trasporto dell’acqua portata da navi cisterna e non dai dissalatori).

I Sindaci hanno, inoltre, sottolineato l’urgenza di interventi per il rifacimento della rete idrica. Il 31 ottobre scadrà, infatti, la gara per un appalto che coinvolgerà le reti nei territori di Formia e Minturno. I primi cittadini hanno sollecitato Acqualatina a fare in modo che il percorso di rifacimento delle condotte sia costantemente condiviso con le amministrazioni locali.

E’ stato, inoltre, richiesto che le bollette sul consumo dell’acqua nei periodi interessati dall’emergenza idrica vengano adeguatamente ridotte. “Per la prima volta nella sua storia – spiega il sindaco Sandro Bartolomeo -, Acqualatina si è detta disponibile ad accogliere tale proposta e a verificare a stretto giro modalità e tempistiche necessarie per dare corso a tale provvedimento. Tutti i sindaci hanno insistito a che questo segnale venga dato immediatamente alle popolazioni afflitte dai disservizi generati dalla perdurante carenza idrica”.

“Infine – spiega Bartolomeo – abbiamo sollecitato il presidente dell’Ato affinché, in tempi brevi, venga riconvocata un’assemblea dell’Ato nella sede di Formia (analoga richiesta è venuta dai sindaci dei monti Lepini per le realtà che li riguardano) così da consentire un’informazione puntuale su ciò che si sta facendo per uscire dall’emergenza e per prevenire il ripetersi di tali situazioni nella prossima primavera-estate“.