Seguici su

Cerca nel sito

#Tufo, è per il 6 novembre l’ingresso del nuovo parroco

La Messa di inizio del ministero pastorale di padre Agostino Bastourous sarà presieduta dall'Arcivescovo.

Il Faro on line – Lunedì 6 novembre, alle 18:00, presso la chiesa di San Leonardo Abate in Tufo (Minturno), l’arcivescovo di Gaeta Luigi Vari presiederà la Messa di inizio del ministero pastorale di padre Agostino Bastourous, dell’Ordine dei Frati Minori (francescani).

Alle 17.30 in piazza San Leonardo Abate l’accoglienza dell’arcivescovo di Gaeta Luigi Vari e di padre Agostino, con corteo processionale verso la chiesa. Alle 18.00 la Messa presieduta dall’arcivescovo e animata dal coro parrocchiale. Alle 19.00 indirizzo di saluto a padre Antonio Siciliano, parroco a Tufo dal 2002. Seguirà un momento conviviale.

Di seguito riportiamo una breve biografia del nuovo parroco:

Padre Agostino Bastourous è nato nel 1985 a Luxor (Egitto). Ha studiato giurisprudenza in Egitto e lavorato come praticante avvocato. Entrato nell’Ordine francescano, emette i voti solenni il 12 luglio 2015 e diventa sacerdote il 22 agosto 2017. Ha vissuto 7 anni in Toscana a Fiesole, La Verna e Poggibonsi, conseguendo il baccalaureato in teologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale a Firenze. Iscritto alla licenza in teologia biblica presso la Facoltà Teologica San Luigi di Napoli, dal mese di settembre 2017 risiede presso il Convento di Minturno.

La chiesa di San Leonardo Abate a Tufo (Minturno) fu costruita nel 1571. L’interno è a navata unica con due semi cappelle per lato e termina con un abside semicircolare al cui centro vi è l’edicola, realizzata con marmi del precedente arredo dell’edificio. Con il sisma del 1984 l’edificio subisce ingenti danni e, dopo i necessari interventi di restauro, è riaperto al culto nel 1988. All’interno della chiesa si trova la statua lignea di San Leonardo, patrono di Tufo, opera dello scultore locale Filippo Rasile. Al centro dell’abside è stato posizionato un nuovo altare, arricchito da un pannello in bronzo raffigurante il “Cenacolo”. Nel 1968 sulla facciata è stata posta una terracotta raffigurante San Leonardo benedicente, opera dello scultore Guglielmo Schiavina, frate minore di Milano.