Seguici su

Cerca nel sito

#Terracina, dimensionamento scolastico, nasce il Polo unico del centro storico basso

Il nuovo assetto scolastico entrerà in vigore dall'anno scolastico 2018-2019.

Il Faro on line – La giunta comunale di Terracina il 3 novembre ha licenziato una deliberazione con la quale, seguendo le linee guida stabilite dalla Regione Lazio lo scorso 12 ottobre (DGR 644/2017), si procede alla riorganizzazione del dimensionamento scolastico cittadino.

Partendo dalle diverse tendenze demografiche emerse sul territorio comunale che, nel corso degli anni, raccontano di scuole in crescita di iscritti e altre in diminuzione, l’assessore alle Politiche Sociali e Scolastiche Roberta Tintari ha proposto alla giunta la creazione di un polo unico nel centro storico basso della città, accorpando la “Francesco Lama”, scuola dell’infanzia e primaria di I grado oggi afferente all’istituto comprensivo “Don Milani”, passata in tre anni da 142 a 117 alunni totali, con la “Elisabetta Fiorini” afferente all’istituto comprensivo “Montessori”.

Si avviano, infatti, a conclusione gli importanti lavori di ristrutturazione di cui è stato oggetto il prestigioso edificio neoclassico del Valadier che da sempre ospita la “E. Fiorini”, e ciò consentirà alla stessa di ospitare sotto lo stesso tetto gli alunni residenti nel quadrante tra via Roma e Viale della Vittoria.

Un edificio antico, ma rinnovato con tecniche moderne e, finalmente, adeguato alle recenti previsioni in materia di sicurezza degli edifici scolastici. È ormai necessario considerare anche le indicazioni contenute nella nota della Regione Lazio dell’11 ottobre 2017 riguardante la “Sicurezza delle istituzioni scolastiche”.

Il sindaco Nicola Procaccini afferma: “Dobbiamo prendere coscienza delle diverse tendenze demografiche in città, come l’espansione del quartiere Calcatore o delle aree a nord-ovest di Terracina e assecondarle, assicurando alle famiglie terracinesi un costante miglioramento dell’offerta formativa pubblica. La creazione di un’unica grande scuola pubblica nel quartiere più centrale della città ci consente di di creare un polo scolastico unico di grande qualità e di risparmiare economie importanti da reinvestire nella edilizia scolastica comunale”.

Anche il vicesindaco e assessore all’Istruzione, Roberta Tintari, interviene sulla vicenda: “È una decisione sofferta, ma inevitabile. Mi conforta, comunque, sapere che gli alunni, il prossimo anno, potranno fruire di una struttura accogliente, comunque vicina a casa, di alto livello formativo come quella che lasciano. Prima di giungere a questa decisione – sottolinea Tintari –, oltre a recepire le Linee Guida regionali sul dimensionamento scolastico, abbiamo incontrato gli altri sindaci della provincia di Latina il 20 ottobre e i dirigenti scolastici di Terracina il 27. Tutti abbiamo dovuto prendere atto che l’attuale situazione, confermata dalle proiezioni sulle tendenze future, conduce a scelte obbligate. La città sta evolvendo con queste caratteristiche e noi dobbiamo adeguare le misure da assumere per garantire la maggior quota di benessere possibile ai cittadini”.

Il nuovo assetto scolastico entrerà in vigore dall’anno scolastico 2018-2019.