Seguici su

Cerca nel sito

E’ troppo pericoloso, il Sindaco chiude il palazzetto dello sport a Fiumicino

Ordinanta l’immediata chiusura della struttura polifunzionale denominata Palafersini (ex Paladanubio)

LEGGI L’ORDINANZA DI CHIUSURA

Il Faro on line – L’immediata chiusura della struttura polifunzionale denominata Palafersini (ex Paladanubio). E’ quanto ha stabilito un’ordinanza (N.REG5756/2017, in pubblicazione dal 09-11-2017 al 24-11-2017) del Sindaco per gravi violazioni rispetto alla sicurezza della struttura. “L’esecuzione immediata della chiusura – afferma l’ordinanza – sarà disposta dalla Polizia municipale, con l’utilizzo di personale tecnico dell’Area Lavori pubblici e manutenzione urbana, con modalità che assicurino che  la stessa non possa in alcun modo essere utilizzata, sino al ripristino di condizioni di sicurezza uniformi ai parametri di legge. Potrà essere consentito al gestore un accesso ai soli fini di cui al successivo periodo della presente Ordinanza”.

LE MANCANZE

Una vera e propria bufera sul mondo sportivo locale, che nella tensostruttura ha uno dei pu8nti di forza. Ma le contestazioni che si leggono nel documento sono pesantissime: “La struttura è dotata di alcuni naspi che risultano scaduti e necessitano di sostituzione, anche per il mediocre stato di conservazione; l’impianto è alimentato dalla rete comunale e, pertanto, non a norma, perché privo di apposito volume di accumulo e relativo gruppo di pressurizzazione; i rilevatori antincendio non risultano funzionanti e l’impianto necessita di totale revisione.

L’elenco prosegue: “gli estintori presenti in alcuni locali non sono adeguati, né certificati, né tantomeno sottoposti alle verifiche di legge; l’impianto di riscaldamento è praticamente inesistente; il locale caldaia è privo di rilevatore gas, privo di elettrovalvola di chiusura gas, privo di ventilazione gas, con porta di ingresso priva di fori di areazione, e totale assenza di impianto di illuminazione di emergenza”.

E ancora: la caldaia è destinata alla produzione di acqua calda sanitaria per gli spogliatoi e risulta modificata da Gas metano Gpl, alimentata da un bombolone posizionato nell’area di sedime e nelle immediate vicinanze del locale in questione, in quanto l’allaccio alla rete del gas non sarebbe mai stato effettuato; l’impianto elettrico, dall’esame visivo dei luoghi, mostra delle criticità, in ordine alla sicurezza; è stata accertata l’assenza di un parafulmine con relativa gabbia di Faraday, a protezione dell’immobile e delle sue pertinenze.

Insomma, a leggere le contestazioni alla base dell’Ordinanza del sindaco Montino, un vero disastro. Per di più “i bagni per visitatori/spettatori sono in condizione di grande degrado e di scarsa accessibilità”. Da oggi, dunque, impianto off-limits.

IL  LINK ALL’ALBO PRETORIO