Seguici su

Cerca nel sito

Sinistra italiana Ostia ‘A poche ore dal voto, l’M5s aggiusta il tiro sul lungomuro’

Il Faro on line, Ostia – “Il cambiamento parte con la marcia sbagliata. A poche ore dalla chiusura delle urne, l’M5S ha già aggiustato il tiro sul lungomuro dichiarando che ci vorranno almeno due anni per abbatterlo. Un annuncio, nella migliore delle ipotesi, infelice.

In pratica, per almeno due stagioni balnerari, chi ha commesso abusi o si trova in una condizione di palese illegalità, invece di preoccuparsi per gli interventi di ritiro delle concessioni e di abbattimento degli abusi, potrà dormire sonni tranquilli continuando a macinare utili e continuando a violare la legge. Ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Praticamente, nonostante inchieste e accertamenti, nonostante palesi illegalità accertate, nonostante il lavoro della Commissione Prefettizia e dell’assessore Sabella, nonostante le promesse fatte in campagna elettorale, solamente a fine consiliatura si potrà procedere all’abbattimento degli abusi sul mare di Roma?

E’ del tutto evidente la difficoltà del M5S di dare corpo alle promesse elettorali anche perché, è giusto ricordarlo, circa due anni fa durante una iniziativa promossa dal M5S e svolta al Polo natatorio del Municipio X, i pentastellati, nonostante una campagna elettorale centrata proprio sulla legalità, sugli abbattimenti degli abusi e sul ritiro delle concessioni, non hanno esitato a considerare salvifici gli imprenditori balneari, cioè quegli imprenditori che hanno imprigionato il mare di Roma facendone un uso padronale ed in alcuni casi anche illegale.

La tanto attesa rivoluzione per il mare di Roma, il tanto atteso ripristino di legalità sul mare di Roma, argomenti tanto sbandierati in campagna elettorale, si sono immediatamente trasformati nell’ennesimo flop a 5 stelle. Tutto cambia per non cambiare nulla. Nonostante ci sia la possibilità di ritirare immediatamente la concessione a chi ha commesso abusi sul demanio, nonostante ci sia la possibilità di intervenire immediatamente su chi ha commesso illegalità sul mare di Roma, nonostante le tante promesse e le tante parole spese da chi si è candidato per cambiare il volto di un Municipio sfregiato da chi ha messo gli artigli sui beni comuni perseguendo solamente gli interessi privati.

Come Sinistra Italiana abbiamo elaborato una istruttoria sul mare di Roma e sulla condizione di illegalità, corredata da foto eloquenti quanto agghiaccianti, che presenteremo in una delle nostre prossime iniziative pubbliche e che depositeremo nelle sedi istituzionali nazionali e cittadine per chiedere un intervento forte e chiaro dell’amministrazione perché, se veramente si vuole sconfiggere il malaffare, se veramente si vogliono liberare risorse per rilanciare il Municipio X di Roma Capitale, è necessario ripartire dal mare di Roma, dalla liberazione del mare di Roma, ed è necessario farlo subito senza attendere un minuto di più, figuriamoci due anni.”

(Il Faro on line).