Seguici su

Cerca nel sito

Cerveteri, aperti i termini per il reddito di inclusione, ecco come farne domanda

L'assessora Cennerilli: "Un modo in più per poter soddisfare la richiesta di tutta l'utenza interessata".

Cerveteri – Si sono aperti i termini per fare richiesta del Rei, la nuova misura di contrasto alla povertà varata dal governo nazionale che andrà a sostituire il Sia (Sostegno per l’Inclusione Attiva) e l’assegno di disoccupazione.

Che cos’è il Rei e come richiederlo

Si tratta di un beneficio economico mensile proporzionato alle dimensioni del nucleo familiare e ad altre variabili. Tale misura prevede un beneficio economico erogato attraverso l’attribuzione di una carta prepagata emessa da Poste italiane ed è subordinata alla valutazione della situazione economica e all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa. Il beneficio economico sarà erogato per un massimo di 18 mesi, dai quali saranno sottratte le eventuali mensilità di Sostegno per l’Inclusione Attiva (Sia) percepite.

L’ammontare dell’importo è correlato al numero dei componenti del nucleo familiare e tiene conto di eventuali trattamenti assistenziali e redditi in capo al nucleo stesso. In ogni caso, l’importo complessivo annuo non può superare quello dell‘assegno sociale.

I moduli per la richiesta del Rei sono disponibili presso l’ufficio dei servizi sociali del comune di Cerveteri, sito all’interno del parco della Legnara oppure sono scaricabili dal sito www.inps.it. Per maggiori informazioni chiamare il numero 06 89 630 209.

Le parole di Francesca Cennerilli

“Si tratta di una misura che viene in contro alle famiglie maggiormente in difficoltà – dichiara l’assessora alle Politiche Sociali, Francesca Cennerilli – quotidianamente incontriamo persone che fanno sempre più fatica a far quadrare il bilancio familiare e arrivare alla fine del mese. Questo, nonostante l’impegno continuo che come amministrazione portiamo avanti per tutelare le fasce più deboli.

I tagli continui provenienti dagli enti sovracomunali, – spiega l’Assessora – molto spesso ci mettono in ginocchio e non ci danno l’opportunità di poter sostenere tutte le persone che ne hanno bisogno. Con il Rei, abbiamo un modo in più invece per poter soddisfare la richiesta di tutta l’utenza interessata.

Per questo invito tutti gli interessati, tutte le famiglie in difficoltà – conclude Cennerilli – a consultare attentamente l’avviso e a non esitare a contattare il nostro ufficio dei servizi sociali per chiedere informazioni su come presentare in modo corretto la domanda”.

(Il Faro on line)