Seguici su

Cerca nel sito

Aeroporto, Califano ‘Addetti servizio catering rischiano il posto di lavoro, convocata l’azienda’

La Presidente: "Non lasceremo sole persone che chiedono soltanto venga rispettato il loro diritto al lavoro."

Aeroporto – “Si è tenuta ieri, – afferma, in una nota, la presidente del consiglio comunale Michela Califano– in accordo con tutte le forze politiche, una Conferenza Capigruppo  presso la sede della Presidenza del Consiglio comunale di Fiumicino sulla situazione degli otto lavoratori della On Board Catering che vedono seriamente a rischio il loro diritto al lavoro a seguito della cessione della fornitura catering a bordo della compagnia Blue Panorama ad altra azienda.

 All’incontro erano presenti l’assessore al Lavoro, Anna Maria Anselmi, i Capigruppo, alcuni rappresentanti della On Board Catering e diverse sigle sindacali. Assenti, invece, i responsabili della Gate Gourmet, azienda subentrante a On Board Catering, che ha preferito declinare l’invito senza neanche proporre una data alternativa alla convocazione.

 La riunione di ieri- prosegue la nota- si è tenuta lo stesso, per il rispetto e l’attenzione che questa Istituzione ha nei confronti di chi vive sulla propria pelle incertezze e preoccupazioni per il proprio futuro lavorativo.  Oggi stesso, però, ho inviato formalmente, anche a nome di tutti i presenti all’incontro, la richiesta di una nuova convocazione ai vertici della Gate Gourmet. È urgente un confronto sul destino di queste persone che lavorano da anni in questo settore e hanno maturato grandi professionalità.

 Contestualmente, informerò il Sindaco, affinché chieda a Enac e a chi di competenza di prendere in considerazione le giuste istanze dei sindacati e aprire una vertenza su questa vicenda. Come abbiamo sempre fatto, per quelle che sono le nostre competenze, seguiremo gli sviluppi di questa situazione purtroppo molto simile a quella già vissuta da tanti dipendenti che lavorano in aeroporto e nel suo indotto. Non lasceremo sole persone che chiedono soltanto venga rispettato il loro diritto al lavoro“.

(Il Faro on line)