Seguici su

Cerca nel sito

Criminalità a Nettuno, il consigliere Santori (Fdi) ‘Ho chiesto al prefetto di intervenire autorevolmente’

Santori: "Eppure il Sindaco ha obblighi precisi di tutela nei confronti della incolumità pubblica".

Nettuno – “Sempre più numerosi a Nettuno gli episodi di criminalità che si stanno susseguendo”. Dichiara Rosalba Esposito, presidentessa di Città Futura.

“Questa situazione d’insicurezza che aleggia in città  – prosegue Esposito – sta allarmando i residenti che ormai non sono più liberi nemmeno di passeggiare liberamente (vedasi ultima rissa alla stazione dinanzi ai pendolari o la rapina alla Bcc di Cretarossa).

Diverse volte, abbiamo chiesto pubblicamente all’amministrazione risposte sulla situazione della sicurezza nella nostra città. Le nostre richieste sono rimaste inevase, quasi come non avessimo diritto a sapere quello che sta accadendo“.

Le parole di Fabrizio Santori

“Eppure il Sindaco, – dichiara il consigliere regionale Fratelli d’Italia, Fabrizio Santori – stando al testo unico degli enti locali ha obblighi precisi di tutela nei confronti della incolumità pubblica e della sicurezza urbana.

Siamo molto preoccupati e sentiamo lontane le istituzioni cittadine che dovrebbero essere le prime a essere vicine alla gente, a dare risposte e a proporre soluzioni su questa tematica. Per questo nella giornata odierna – conclude Santori – ho chiesto al prefetto di intervenire autorevolmente“.

Santori scrive alla prefetta Basilone

“Dalle segnalazioni si evince una forte sensazione di insicurezza – si legge nella lettera inviata da Fabrizio Santori alla prefetta di Roma, Paola Basilone – che si dichiara intimorita dalle frequenti aggressioni, risse e attività di spaccio ad opera dei tossicodipendenti, senza fissa dimora e altre tipologie di individui sospetti che stanziano nella stazione o nelle zone limitrofe.

“Considerata la gravità dei fatti sovraesposti – conclude il Consigliere di Fdi – si auspica un Suo autorevole intervento per tutelare l’incolumità dei cittadini e ripristinare idonei standard di qualità nello scalo ferroviario in questione e nell’area circostante”.

(Il Faro on line)