Seguici su

Cerca nel sito

Sutri, l’Epifania attraverso un viaggio indietro nel tempo

Un percorso di straordinaria bellezza in cui centinaia di figuranti in costume d'epoca si muovono alla luce fioca delle fiaccole romane.

Sutri – Un evento unico animerà il borgo di Sutri il 6 gennaio: musica, artisti di strada, mostre artigianali e l’immancabile presepe vivente per festeggiare l’Epifania e chiudere così il ricco calendario di appuntamenti natalizi.

L’iniziativa prenderà il via alle ore 17.00 del 6 gennaio, quando le vie del centro storico di Sutri, gioiello della Tuscia Viterbese, prenderanno vita grazie all’energia della banda Lestofunky e la magia della compagnia d’arte itinerante Circotello.

I Lestofunky nascono con l’intento di riproporre, attraverso la formula delle classiche ed immortali marching band di New Orleans, un vasto repertorio che spazia dai classici della disco dance degli anni 70/80, al soul/funk nero più scatenato, strizzando l’occhio anche alla musica italiana e al jazz. Lo spettacolo non è una semplice esibizione itinerante ma un esplosivo e coinvolgente mix di ritmo, sonorità bandistiche ed irresistibile simpatia, condito anche da piccole coreografie e dove non mancano i momenti in cui lo spettatore viene chiamato a partecipare in maniera attiva.

Il “CircOtello” eseguirà invece uno spettacolo itinerante lungo le vie dell’antico borgo. Due trampoliere e Otello il giocoliere, al ritmo della Street Band, eseguiranno le loro performance itineranti, con finale di giocoleria di fuoco.

Nella stessa giornata sarà ancora possibile visitare il presepe vivente, nel parco archeologico della Sutrium Romana, una delle rappresentazioni della Sacra Natività più suggestive del Lazio. Qui, infatti, il presepe vivente non viene allestito all’interno del seppur suggestivo borgo medievale, ma nel parco archeologico, tra l’anfiteatro scavato nel tufo, il mitreo trasformato in chiesa paleocristiana e le tombe etrusche che costeggiano la via Cassia. Un percorso di straordinaria bellezza in cui centinaia di figuranti in costume d’epoca si muovono alla luce fioca delle fiaccole romane.

Un teatro naturale per un evento che vuole ricreare la vita quotidiana della Palestina di allora, un viaggio indietro nel tempo fra le ambientazioni di 2000 anni fa. Lungo tutto il percorso si potranno ammirare donne, uomini e bambini intenti a svolgere i lavori e i giochi dell’epoca, un accampamento di soldati romani e ovviamente la stalla dove è nato Gesù. Il tutto accompagnato da una musica di sottofondo che renderà l’ambientazione ancora più magica.

I festeggiamenti previsti per l’Epifania rientrano nel ricco calendario d’eventi previsto dall’amministrazione di Sutri per festeggiare il Natale 2017. Una manifestazione di pregio, tanto da aver vinto nei mesi scorsi un finanziamento del Consiglio Regionale del Lazio volto a premiare le iniziative idonee a valorizzare sul piano culturale, sportivo, sociale ed economico la collettività regionale.

Sempre il 6 gennaio, di fianco agli spettacoli degli artisti di strada e il Presepe Vivente nel parco archeologico, sarà inoltre possibile ammirare l’esposizione dei presepi artigianali nel centro storico e la mostra “Sutri, Vulci e i misteri di Mitra” presso Villa Savorelli.

(Il Faro on line)