Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, Salvitti (FI), per alleviare i disservizi dati dal dissesto, dobbiamo pensare a nuove entrate

Secondo il consigliere di Forza Italia, si possono apportare nuove entrate al comune, costituendo un servizio tecnico ben strutturato ed organizzato

Ardea – Dopo le tante richieste dei cittadini e tecnici, giunte al consigliere Fabrizio Salvitti di Forza Italia, questi ha voluto proporre, con spirito di collaborazione all’Amministrazione Savarese, alcuni suggerimenti.

Del resto – aggiunge Salvitti – in una situazione critica come quella della dichiarazione di dissesto, la mia proposta potrebbe portare ad alleviare i disservizi che si sono creati. Gli uffici bloccati sono quelli che, tra l’altro, porterebbero soldi nelle casse comunali: si veda l’ufficio tecnico comunale“.

Quanto espresso dal consigliere di Forza Italia, trova il consenso anche della consigliera Luana Ludovici (NCS) e ambedue evidenziano che tutto è, attualmente, fermo e bloccato ed al momento senza alcuna via di uscita.

Prosegue Salvitti – “Vi è preoccupazione sia tra tecnici liberi professionisti oltre che tecnici e funzionari interni. Al momento non c’è nessuno che firma pratiche, che completi istruttorie, che agevoli le richieste dei cittadini e degli imprenditori. Questo fermo, comporta la mancanza di introiti nelle casse comunali, impoverendo, tra l’altro, non solo il paese ma, anche le famiglie.

Salvitti, che è anche vice presidente della commissione consiliare urbanistica, si dice anche’esso preoccupato della situazione, per cui propone la costruzione di aree di competenza, quali urbanistica e lavori pubblici.

Aree che, considerando il dissesto, non potranno assumere personale, per cui sarebbe opportuno – prosegue il consigliere – che l’area urbanistica venisse assegnata con diritto di firma all’architetto Pietro Tomei che già in passato si è distinto nel sostituire i vari dirigenti del settore; mentre, l’altra area, quella dei lavori pubblici, potrebbe andare a chi di fatto poi, l’ha sempre ricoperta con ogni assessore e sotto ogni dirigente e parliamo dell’architetto Luca PerfettiOvviamente, chiunque dovesse ricoprire ruoli di tale importanza, l’amministrazione dovrà assegnargli secondo legge, un giusto compenso per le responsabilità a cui andranno incontro. Del resto, le responsabilità vanno retribuite e non è permesso per costituzione lavorare senza un giusto compenso. Il problema del settore tecnico è quello di racchiudere diversi settori come quello del patrimonio, un settore, questo, che deve essere fortificato con uomini e mezzi e che non può restare nelle mani di un solo geometra se pur valente”.

In sintesi, il consigliere Salvitti propone di costituire un ufficio ad hoc per riportare alla luce tutti i beni comunali oggi sparsi per il territorio e l’importanza di avere un funzionario responsabile al settore urbanistica, il quale dovrà continuare a rilasciare permessi a costruire in sanatoria, altra fonte non trascurabile per le entrare comunali e la risoluzione del problema dell’abusivismo edilizio.

(Il Faro on line)