Seguici su

Cerca nel sito

‘Il mare d’inverno 2018’, Fare verde Fondi a Capratica

L'evento sarà l’occasione per informare i cittadini sulle possibilità di riduzione del mare di rifiuti che invade le vie delle nostre città.

Fondi – Il gruppo di Fondi dell’associazione ambientalista “Fare Verde” Onlus (già protagonista nel 2015, nel 2016 e nel 2017 di alcune Giornate Ecologiche), tornerà nel Parco Sito di Interesse Comunitario “Dune di Capratica” il prossimo 28 Gennaio 2018- dalle 10.00 alle 13.00-, per la 26a Edizione dell’operazione “Il Mare d’Inverno”.

I volontari di “Fare Verde” saranno impegnati a pulire diverse spiagge italiane per ricordare a tutti che l’inquinamento dei litorali è un problema che esiste per dodici mesi all’anno e non solo durante il periodo estivo. Ogni anno milioni di tonnellate di rifiuti abbandonati finiscono negli oceani, sulle spiagge, nelle foreste o da qualche parte semplicemente nella natura. La causa principale di tutto ciò sono i modelli insostenibili di produzione e di consumo delle nostre società, cattive politiche di gestione dei rifiuti e mancanza di sensibilità nella popolazione. L’iniziativa ha l’obiettivo di riportare al centro dell’attenzione la necessità di ridurre i rifiuti e riciclarli il più possibile. Le discariche devono essere considerate per quello che sono: l’ultima soluzione possibile per i rifiuti che non si riescono a eliminare o riciclare. Nuovi inceneritori, in un ciclo virtuoso dei rifiuti, sarebbero addirittura inutili.

Le operazioni di pulizia promosse da “Fare Verde” sono l’occasione per informare i cittadini sulle possibilità di riduzione del mare di rifiuti che invade le vie delle nostre città, le strade, le autostrade, le ferrovie che attraversano le campagne, le aree industriali ed i quartieri residenziali, le cime delle montagne ed i boschi, i prati e, naturalmente, le spiagge. Ai cittadini viene distribuito, infatti, un volantino con informazioni sul ciclo dei rifiuti e alcuni consigli utili per ridurli a partire dall’acquisto.

L’iniziativa che gode del Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Comune di Fondi e della Regione Lazio.

(Il Faro on line)