Seguici su

Cerca nel sito

Fondi, vende cocaina mentre è agli arresti domiciliari, finisce in carcere

L'uomo è stato arrestato ed associato presso il carcere di Latina.

Fondi – Il personale della squadra di polizia giudiziaria del commissariato distaccato di P.s. Fondi, nell’ambito di mirati controlli antidroga nella notte tra giovedì e venerdì ha tratto in arresto un pregiudicato e sorvegliato speciale, classe ’39, sorpreso in flagranza di reato per detenzione al fine di spaccio di sostanza stupefacente.

L’uomo, arrestato circa un mese fa sempre dal personale del commissariato di Fondi per lo stesso reato, era già sottoposto alla pena degli arresti domiciliari. E’ proprio nella sua abitazione che è stato bloccato dai poliziotti mentre spacciava droga a due diversi acquirenti.

Flagranza di reato… e droga in casa

Gli agenti, grazie anche a diverse segnalazioni di cittadini residenti nella zona, si sono appostati nei pressi dell’abitazione del sospettato sottoponendo a controllo un uomo che, uscito dalla casa sorvegliata, è stato trovato in possesso di due dosi di cocaina. A tal punto, avendo avuto la certezza che lo spacciatore poteva detenere altra droga all’interno dell’abitazione, gli agenti hanno deciso di intervenire e, giunti sulla sua porta di casa, hanno subito notato un altro acquirente intento a consegnare del denaro all’anziano spacciatore che, nella circostanza, ha tentato di nascondere un involucro con sette dosi di sostanza stupefacente.

Durante l’immediata perquisizione domiciliare, gli uomini del commissariato hanno rinvenuto, all’interno di una delle stanze, un ulteriore involucro in cellophane contenente altra droga, nonché la cospicua somma di 2.500 euro divisa in banconote di vario taglio, e tutto l’occorrente per il confezionamento delle dosi. Tutta la sostanza, sottoposta al narcotest, è risultata essere cocaina, del peso complessivo di 30 grammi dai quali, stante il presunto stato di elevata purezza, si sarebbero potute ricavare circa 80 dosi.

L’uomo è stato tratto in arresto ed associato presso il carcere di Latina, in attesa dell’interrogatorio di garanzia che si terrà nei prossimi giorni, mentre i due acquirenti saranno segnalati all’autorità amministrativa.

(Il Faro on line)