Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, in 7 anni incassa 135mila euro della mamma deceduta

Truffa all'Inps, beccata dalla Guardia di Finanza una 60enne

Ardea – I finanzieri del Comando Provinciale Roma hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Tribunale di Velletri, nei confronti di una donna di Ardea, per aver incassato 135.000 euro di ratei pensionistici corrisposti dall’Inps in favore della mamma deceduta.

In particolare, dalle indagini condotte dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Pomezia, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Velletri, avviate a seguito di una segnalazione dell’Inps, è emerso che una signora 60enne ha continuato a percepire illecitamente la pensione dell’anziana madre, omettendo di comunicare all’Inps il decesso avvenuto nell’anno 2010.

La truffa all’Inps

Peraltro, la donna ha approfittato dell’apposita delega all’incasso depositata presso un ufficio postale di Ardea, grazie alla quale ha potuto recarsi agli sportelli senza destare il minimo sospetto per l’assenza della mamma. Così, dal mese di febbraio 2010 (mese in cui è avvenuto il decesso della titolare del trattamento pensionistico) in poi, ha goduto dell’indebito assegno di circa 2000 euro mensili, senza averne alcun titolo.

I successivi approfondimenti economico-finanziari, svolti dalle Fiamme Gialle pometine su delega dell’Autorità Giudiziaria veliterna, hanno permesso poi di ricostruire il patrimonio personale dell’indagata, ivi comprese le disponibilità di denaro sui conti correnti personali.

La Procura di Velletri ha così chiesto e ottenuto il provvedimento di sequestro delle somme contenute sui conti correnti, nonché di un immobile sito nel comune di Ardea (RM), per un valore corrispondente agli importi illecitamente percepiti. Il servizio svolto si inserisce nel complesso delle attività svolte dalla Guardia di Finanza di Roma per la corretta spesa pubblica e la tutela dei cittadini onesti.