Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Garante Infanzia Lazio: ‘Centro Unisan, eccellenza che non deve chiudere’

Jacopo Marzetti: "Chiederò la convocazione della commissione Politiche sociali del Consiglio regionale per discutere della vicenda"

Più informazioni su

“Di fronte alle criticità che emergono in alcune realtà socio socio-sanitarie della nostra Regione, che ogni giorno devono confrontarsi con la burocrazia e le difficoltà economiche, occorre ricordare quanto previsto dalla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, ovvero che il diritto all’assistenza dei bambini è l’interesse superiore che va sempre tutelato da parte delle istituzioni.

“Per questo motivo sto seguendo con attenzione e partecipazione la vicenda che vede coinvolti i bambini e gli adolescenti con disabilità in cura presso il Centro di riabilitazione Unisan, sito a Roma in via Quirino Majorana. Questa mattina, infatti, ho ricevuto una delegazione di genitori dei ragazzi, che mi ha chiesto di vederci con urgenza, in quanto i tempi sono strettissimi, rappresentandomi la grande preoccupazione per l’ipotesi, da loro prospettata, di chiusura del centro, dovuta sia a problemi di mancato rinnovo dell’accreditamento con la Regione Lazio, sia alla vendita dei locali a terzi, sottolineando la drammaticità di una tale eventualità.”

Così il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Lazio, Avv. Jacopo Marzetti, in merito del colloquio avuto con le famiglie dei pazienti seguiti dalla struttura.

Al Garante, i familiari dei ragazzi hanno spiegato che la chiusura del centro, prevista per il prossimo 27 febbraio 2018, rappresenta il venir meno di un servizio essenziale per i bambini e gli adolescenti che vivono questa realtà, sottolineando il fatto che tanti ragazzi verranno privati di un servizio specialistico che rappresenta un’eccellenza.

“Sono rimasto profondamente colpito – commenta il Garante – dalla situazione che mi hanno illustrato i genitori dei ragazzi che usufruiscono delle cure specialistiche del centro Unisan. Per questo chiederò al presidente della commissione Politiche sociali e salute del Consiglio regionale di convocare quanto prima una seduta per discutere della vicenda, certo del fatto che il Presidente Zingaretti, nonostante gli impegni della campagna elettorale, riuscirà a trovare una soluzione che possa rassicurare le famiglie coinvolte”.

(Il Faro on line)

Più informazioni su