Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Attacco Isis a sede di Save the Children in Afghanistan, liberati gli ostaggi

Morti i cinque attentatori, 45 ostaggi liberati. Isis coinvolta.

C’è nuovamente l’ombra dell’Isis dietro l’attacco di questa mattina alla sede di Save the Children a Jalalabad City, in Afghanistan. La rivendicazione è giunta poche ore dopo l’attacco avvenuto alle 9:00 locali (le 5:30 italiane) nella regione di Nangarhar. Il bilancio è salito a tre morti (un soldato e due dipendenti) e 24 feriti.

Il commando armato si è barricato all’interno della sede della ong, con alcuni dipendenti presi in ostaggio. Uno degli assalitori si è fatto esplodere all’ingresso della sede per consentire agli altri di entrare, subito è partita la pioggia di proiettili. Uccisi tutti e cinque gli assalitori.

‘Sconvolti da terribile attacco’

In seguito alla dichiarazione di non coinvolgimento dei fatti da parte dei talebani, è stata diffusa la notizia della rivendicazione da parte dell’Isis. L’ong di Save the Children si dice “sconvolta dal terribile attacco”, come si evince da un breve tweet pubblicato.

Liberate 45 persone

L’attacco si è concluso alle 19:00 (le 15:30 italiane) e in totale sono cinque i militanti ad essere stati uccisi. I 45 membri dello staff della ong sono stati liberati dalle forze afghane. (Fonte ANSA)