Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, è nato il ‘Coordinamento Legalità nei Consorzi Roma Sud’

Il compito che il CLRS intende portare avanti con determinazione, è la rivendicazione dei diritti dei comuni cittadini di Ardea di fronte alla legge

Ardea – Il giorno 13 Gennaio scorso si è volta, presso il locale Samoa, l’assemblea generale dell’associazione “Per Lupetta”, coordinata dalla Dott.ssa Eliana Peperoni e dall’Ing. Oreste Di Giacobbe.
Nell’occasione, oltre ad affrontare problematiche relative al territorio di Lupetta, facente capo all’omonimo consorzio, che sembra alquanto carente nel porgersi di fronte ai bisogni e alle esigenze dei soci, è stato riservato uno specifico punto dell’ordine del giorno alla presentazione del “Coordinamento Legalità nei consorzi Roma Sud” (CLRS).

Tale iniziativa è nata quasi naturalmente, dato che da incontri avvenuti in precedenza con i rappresentanti delle associazioni/comitati che si occupano di questa problematica ed insistono sui territori di Lido dei Pini, Colle Romito, La Sbarra, Lavinio mare, Marina di Tor San Lorenzo e Lido di Tor San Lorenzo – tutti “governati” da Consorzi nella quasi totalità istituiti in base al decreto Luogotenenziale 1446 del 1918 – si è constatato che questi ultimi non rispondono più, ormai da lungo tempo ed indipendentemente dal territorio rappresentato, alle esigenze per cui erano nati tanti anni fa; col tempo si sono trasformati in una sorta di potentati che disattendono completamente gli interessi dei consorziati ed, in quasi tutti i casi, addirittura ne prevaricano i diritti.

Tutto ciò a fronte dei gravosi oneri – ordinari e straordinari per opere obbligatorie e volontarie che annualmente ogni proprietario, ricadente nella cosiddetta area consortile, è costretto a pagare, oltre alle normali tasse ed a tutti gli altri tributi locali.

All’assemblea hanno aderito e partecipato fattivamente soci di tutti i consorzi iscritti ai comitati/associazioni, con i rispettivi rappresentanti: per “L’Associazione per Lido dei Pini” l’Avv. Massimo Leopardi, per il “Comitato Cittadini dissenzienti consorzio di Lavinio” (CLD) l’Ing. Andrea Saviano, per il “Comitato di Quartiere di Colle Romito” il Presidente Mauro Ziroli, per l’Associazione “Per vederci chiaro” (che comprende i consorzi di Lido di Tor San Lorenzo e Marina di Tor San Lorenzo) il Sig. Aldo Sallusti. Questi ultimi si sono presentati al pubblico con brevi ma chiarificatori interventi che hanno ottenuto il consenso dell’assemblea e la piena adesione dei convitati all’iniziativa di collaborazione permanente e formazione di un Coordinamento (CLRS).
I coordinatori hanno evidenziato le molteplici iniziative già svolte nonché le azioni da svolgersi in futuro, iniziando dalla prima battaglia che il CLRS, a fianco degli iscritti dell’associazione “Per Lupetta” e della Presidente Eliana Peperoni, sta combattendo in merito all’odioso, nonché illegittimo, progetto di pubblica illuminazione che impudentemente si vuol far pagare ai soci del consorzio. Battaglia questa iniziata dall’associazione “Per Lupetta” già da tempo ed i cui Enti preposti all’obbligatorio controllo sono stati messi al corrente per verificare, oltre all’illecito utilizzo del tributo 0810, anche le scorrette modalità di riscossione utilizzate per ottenere il 20% da parte dell’amministrazione comunale.

Si è infine esposta, in via critica, la problematica delle trattative in corso per la stipula di convenzioni tra Comune ed alcuni consorzi stradali presenti sia su Ardea che su Anzio.

La creazione di un ente “federativo”, in rappresentanza degli abitanti del tratto costiero interessato a questa delicata ed annosa questione costituisce un UNICUM nella storia del nostro amato territorio e, basato sulla coesione e sulla collaborazione di migliaia di associati nonché da una loro rappresentanza selezionata e qualificata, getta uno spiraglio di ottimismo nella ricerca costante della salvaguardia dei diritti di ogni abitante e nella riqualifica ambientale del tratto di costa interessato.

Sempre tenendo presente, quale principio fondamentale, il procedere, da parte di tutti, nessuno escluso, specialmente da parte dei consorzi, nel pieno rispetto delle leggi.

In sintesi il compito precipuo che il CLRS intende portare avanti con determinazione, è la rivendicazione dei diritti dei comuni cittadini di fronte alla legge, ben consapevole che se oggi questi diritti non verranno protetti e riconosciuti un domani sarà difficile evitare altri soprusi. Ciò perché, è ben chiaro a tutti, che “far valere un diritto non è un problema del singolo ma è interesse di tutta la collettività.” – Il Consiglio Direttivo del CLRS –

(Il Faro on line)