Seguici su

Cerca nel sito

Santa Marinella, quattro incontri per la scuola di formazione politica con Giorgia Meloni

La scuola nasce dall'idea di "formare i partecipanti sulle dinamiche sottese alla gestione della cosa pubblica".

Santa Marinella- Sarà articolata in quattro incontri a cadenza settimanale la scuola di formazione politica di Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni a cura del circolo locale “Invictus”.

Il primo incontro già a partire da domani mercoledì 7 febbraio alle ore 17.00 presso l’Hotel Pyrgi Mare di Santa Severa. I successivi incontri si svolgeranno tra la Perla del Tirreno e Santa Severa (14 febbraio presso il circolo del tennis “Audax”, 21 e 28 febbraio ancora presso l’Hotel Pyrgi Mare).

Moltissimi ospiti d’eccezione

Ad arricchire il parterre ed alternarsi con i relatori il consigliere della regione Lazio, on. Fabrizio Santori (che, unitamente al giornalista Michele Ruschioni, aprirà gli incontri con la presentazione del suo libro “Addio al manuale Cencelli.

Come misurare il merito in politica”), il consigliere comunale di Roma Capitale, avvocato Francesco Figliomeni, i consiglieri municipali capitolini, Daniele Catalano e Giovanni Picone, alcuni componenti dell’assemblea nazionale di Fratelli d’Italia, ossia l’avvocato Marco Giudici (presidente, peraltro, della Commissione Trasparenza per il XII Municipio di Roma) ed Alessandro Vannini, il professor Mario Ciampi, docente di Storia delle Istituzioni Politiche, e il portavoce del circolo organizzatore, avvocato Marco Valerio Verni, che interverrà anche quale componente dell’Assemblea nazionale di Fratelli d’Italia.
Ospite d’onore, proprio il giorno di apertura, Giuliana De Medici Almirante, presidente della Fondazione Almirante e figlia del famoso e compianto fondatore del Movimento sociale italiano, cui è intitolata la scuola. A moderare il tutto, il giornalista Samuele Anselmo.
“La scuola di formazione politica- spiegano proprio Santori e Verni– nasce dall’idea di in-formare i partecipanti sulle dinamiche sottese alla gestione della cosa pubblica, tanto a livello nazionale, quanto a livello regionale e comunale, con un forte accento alle caratteristiche curricolari ed ai principi morali ed etici che dovrebbero contraddistinguere il profilo e l’operato di ciascun politico, sia nei confronti della res publica che è chiamato a servire, sia nei confronti degli altri interlocutori, siano essi dello stesso partito o avversari.

Oltre, naturalmente, a temi di carattere più pratico, tra cui quello dei rapporti tra magistratura e politica, da una parte, ed informazione di garanzia-processo mediatico, dall’altra, fino all’attuale legge elettorale”.
(Il Faro On line)