Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, case famiglia ‘Dopo di noi’, Petrillo e Ferreri ‘tra le priorità un centro diurno’

Petrillo (Leu): "Il 'Dopo di noi' ha la finalità di concedere ai genitori una vita meno angosciata dalle incertezze future".

Fiumicino – “La commissione Politiche sociali è stata in visita presso le case famiglia ‘Dopo di noi‘ di Fiumicino, Casa di Daniele e Casa del Sole”. Dichiara il presidente della commissione Angelo Petrillo, consigliere comunale di Leu.

Una sicurezza per il futuro

“Un servizio nato con questa amministrazione – prosegue Petrillo – dove ragazzi disabili, figli di genitori non più giovani, vivono stabilmente nelle strutture, partecipando nella giornata a tante attività all’interno e all’esterno. Il ‘Dopo di noi’ ha la finalità di concedere ai genitori una vita meno angosciata dalle incertezze future su chi si prenderà cura dei propri figli.

“Abbiamo voluto incontrare utenti e operatori delle due case famiglia del comune di Fiumicino, per condividere con loro necessità e programmi futuri. Con questa amministrazione si è raggiunto il risultato di avere, per la prima volta, due centri aperti per 24 ore. Il nostro impegno politico però non è concluso: dovremo potenziare queste strutture affinché possano essere sfruttate al massimo, per dare un servizio sempre migliore e allargare l’accesso all’utenza.

Auspichiamo anche che, magari anche attraverso la collaborazione attiva delle famiglie e un’attenta attività informativa, sempre più ‘Dopo di noi’ possano nascere in tutto il comune”.

Un obiettivo in crescita

“L’amministrazione Montino – aggiunge il consigliere comunale di Cal, Maurizio Ferreri – ha istituito sul territorio di Fiumicino due case famiglia ‘Dopo di noi‘, un ottimo risultato ma non dobbiamo commettere l’errore di pensare di aver raggiunto tutti gli obiettivi.

“Abbiamo iniziato la strada che dovrà portarci a costruire quella rete di servizi necessaria a dare il giusto supporto alle famiglie coinvolte in questa tematica. Una rete che deve coinvolgere tutto il territorio. Uno degli elementi che riteniamo indispensabile è il centro diurno per disabili.

“Dobbiamo dare al più presto – spiega il Consigliere comunale – una risposta concreta a ragazzi che, ogni mattina, sono costretti ad uscire di casa alle 6.30 per prendere il pulmino che li porta nei vari centri diurni per disabili sparsi su Roma. Tutti i giorni andata e ritorno, viaggi che spesso, a causa del traffico, durano ore.

Questi ragazzi, oltre alla loro grave disabilità, devono vivere un’assurda routine giornaliera per mancanza di strutture a loro necessarie. Ritengo che dare una risposta sia un dovere di tutti noi e, per questo motivo, – conclude Ferreri – invito tutte le forze politiche locali a inserire nei primi punti della loro agenda politica la costruzione del centro diurno per disabili”.

(Il Faro on line)