Seguici su

Cerca nel sito

Latina, il vescovo Crociata alla ‘II giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo’ a scuola

La dirigente scolastica del Frezzotti-Corradini ha illustrato a monsignor Crociata il lavoro della sua scuola nella prevenzione del bullismo.

Latina – Questa mattina il vescovo Mariano Crociata ha partecipato alla II Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola, incontrando a Latina, presso l’Istituto comprensivo “Frezzotti-Corradini”, gli studenti della scuola media impegnati nella campagna “Io non ci sto più”.

La dirigente scolastica Roberta Venditti ha illustrato a monsignor Crociata il lavoro della sua scuola nella prevenzione del bullismo, anche come “Centro Territoriale di Supporto alle Nuove tecnologie e disabilità”, che supporta le altre scuole della provincia di Latina nell’ambito di uno specifico programma del Ministero dell’Istruzione. All’evento ha collaborato l’Ufficio del Garante regionale del Lazio per i minori.

Ai giovani presenti, monsignor Crociata ha spiegato che “quando si parla di bullismo significa parlare anche di adulti che commettono errori oppure di fenomeni della comunicazione che mettono in circolo pensieri e atteggiamenti che si scaricano sui ragazzi. Certamente, ci sono anche tanti adulti che invece sono alleati dei giovani aiutandoli a crescere.”

Continuando a dialogare con gli studenti, monsignor Crociata si è chiesto quale sia la via per affrontare questo problema.

“Io ne vedo una in particolare – ha continuato il Vescovo – e parto dalla vostra difficoltà di dover comunicare a qualcun altro che vi aiuti a capire ciò che avete dentro. Soprattutto due sentimenti che possono trovare posto nel vostro cuore. Il primo è quello della rabbia che si può accumulare per tante cose che non vanno. Il secondo è la paura di fronte a cose che non vanno, di non riuscire, di fronte alle attese. Sono due sentimenti che portano ad avere atteggiamenti non sempre equilibrati o corretti.

Ecco- ha proseguito monsignor Crociata-, secondo me bisogna imparare a riconoscere questi sentimenti, a capirli, a saper trasformarli in energia positiva. Per esempio, la rabbia diventa volontà per superare le difficoltà; la paura, esercizio per conquistare il coraggio di affrontare gli impegni e le sfide della vita. Per fare questo abbiamo bisogno di esprimerci a parole, imparare a raccontare e per questo c’è bisogno delle persone giuste che abbiano la volontà e capacità di ascoltarci. Quello che ci fa male a volte è tenere dentro noi pesi troppi grandi. Come ci sono adulti sbagliati però ci sono adulti che ci aiutano a crescere, a capirci a ritrovare la forza per incanalare le nostre energie e ritrovate la giusta fiducia in noi stessi.

Anche la creatività– ha concluso il Vescovo- è uno dei modi per esprimere se stessi, come hanno fatto i vostri compagni di classe Siria e Alessandro componendo la canzone che è anche il titolo di questa giornata.”

(Il Faro on line)