Seguici su

Cerca nel sito

Fiamme Gialle, Fabrizio Donato oro agli Assoluti e valigie per Birmingham

Fa 16,94. Torna dall’infortunio ad Ancona e si prende il titolo italiano. Un campione eccezionale. In partenza per i Mondiali in sala, di marzo

Il Faro on line – Sempre più Donato. E simbolo dell’atletica leggera azzurra. Capitano della Nazionale e innamorato del salto triplo.

Ha vinto ancora, dopo averlo fatto nel cuore. Un infortunio doloroso al quadricipite destro, nei mesi successivi alla sua medaglia d’argento a Belgrado, agli Europei indoor. Mondiali di Londra saltati e visti in tv.

E’ tornato. Più forte di prima, ad Ancona. Lo scorso 18 febbraio, agli Assoluti in sala Fabrizio si è messo al collo il suo oro italiano indoor. L’ennesimo. Il numero 23. Da aggiungere ad una fiorente e cospicua collezione di medaglie. Ha saltato 16,94 e applausi. Sempre il suo, quel salto. Fluido, veloce e pulito. Partito dalla pista indoor è atterrato sulla sabbia nel jump finale.

E’ il terzo europeo e il decimo nel mondo nel 2018 a due settimane dai Mondiali di Birmingham. E ci sarà anche lui in Inghilterra, appena convocato. Dal 1 al 4 marzo, capitano e sempre presente.

Di seguito, le parole di Fabrizio Donato, come indicato dal sito ufficiale della Federazione Italiana di Atletica Leggera (Fidal.it) :

“Questa vittoria ha un sapore speciale perché torno dopo un grave infortunio che ha rischiato di mettere in bilico la mia carriera. Ho voluto sfidare me stesso e ho scommesso su di me e per fortuna i risultati mi hanno dato ragione anche stavolta. Qui ho tutto quello che la vita mi può dare: il mio salto triplo, la mia famiglia. L’atletica è il mio mondo che mi emoziona, per cui combatto e che mi rende vivo. Finchè avrò energia in corpo continuerò a farlo perchè tutto questo è semplicemente fantastico. Ora voglio partecipare ai Mondiali Indoor, sotto il tetto fin qui me la sono sempre cavata, chissà che combinerò a Birmingham tra due settimane?”.