Seguici su

Cerca nel sito

Roma, notte di strage stradale. Il Sulpl: “Bloccare il traffico dalle 22,00 del sabato alle 7,00 di domenica”

Due morti e sei feriti gravi sulle strade di Roma. Il sindacato di polizia locale Sulpl propone il divieto di transito o "investire i proventi delle multe"

Più informazioni su

Roma – Il bilancio della notte sulle strade della Capitale è da “strage. Così il Sulpl, sindacato di Polizia locale, lancia la provocazione: o si investono i proventi delle contravvenzioni oppure si stabilisce il coprifuoco, ovvero traffico bloccato dalle 22,00 del sabato alle 7,00 della domenica.

E’ di due morti e di sei feriti gravi il bilancio delle “perdite” durante la notte sulle strade di Roma. Alle ore 20,40 in piazza Risorgimento un autobus dell’Atac, linea 590, ha investito un pedone, che è deceduto sul posto. Nato in Sri Lanka, 58 anni, non sono ancora stati rintracciati i familiari, avvisato il Ministero degli Esteri. La salma è stata portata al Gemelli, l’autobus posto sotto sequestro. Intervenute per gli adempimenti del caso tre pattuglie della polizia locale del gruppo di Prati.

Alle 22,00 incidente grave in via Flaminia altezza GRA. Una Volkswagen Golf ha perso il controllo del veicolo, le tre persone all’interno trasportate in gravi condizioni (tutti codice rosso), rispettivamente due al Sant’Andrea e una al Gemelli. Intervenute tre pattuglie di Cassia per rilievi e viabilità

Poco dopo mezzanotte incidente grave incidente in via Ostiense altezza via della Stazione di Ostia Antica. Coinvolte una Smart e una 500. Tre le persone ferite, tutti di sesso maschile, uno trasportato al Grassi in codice giallo, uno trasportato al Sant’Eugenio in codice rosso, e uno trasportato prima al Grassi e poi trasferito al San Camillo in prognosi riservata. Intervenuta per i rilievi l’infortunistica mortali dell’VIII Tintoretto, con l’ausilio di due pattuglie del Gpit e di due pattuglie della polizia che hanno dato una mano con le chiusure.

Poco dopo le 4,00 investimento mortale in via del Fosso di Dragoncello altezza via Ostiense. Per i rilievi inviata l’infortunistica mortali del Gpit, sul posto anche le pattuglie di Marconi e Monteverde. Persona deceduta sul posto.

C’è poi la Galleria Giovanni XXIII chiusa a scendere. Ci sono stati tre incidenti sempre nello stesso punto, sempre per perdita di controllo. Il tempo di riaprire e tempo dieci minuti altro incidente. Al terzo la pattuglia ha capito che qualcosa non va e hanno chiesto una verifica più approfondita, per cui la galleria rimane chiusa. Due senza feriti e quello intermedio con un ferito, codice rosso al Gemelli.

Se fosse stato davvero un attentato e non omicidio stradale – commentano in una nota dal Sulpl – ne avrebbero parlato per giorni e giorni. Purtroppo è quasi una notte normale per la Polizia Locale di Roma tra sabato e domenica. Nessun progetto specifico di prevenzione viene fatto coi proventi delle contravvenzioni. Paradossalmente a questo punto, come avviene per le strade piene di buche in cui si abbassa il limite a 30 km/h, dovremmo proporre il coprifuoco dalle 22.00 alle 07,00 del sabato notte col divieto di transito. Forse così salveremmo qualche vita”.

Più informazioni su