Seguici su

Cerca nel sito

Sanità a Fiumicino, Bonanni e Cosentino (Leu) ‘ci batteremo per un presidio ospedaliero di base’

I Candidati Leu: "Manca un presidio sul territorio, gli abitanti sono costretti a gravare sul pronto soccorso di Ostia".

Fiumicino – Denunciando l’assenza di un presidio ospedaliero sul territorio, candidati nella lista Liberi e Uguali Lazio, Barbara Bonanni e Danilo Cosentino, prendendo un impegno chiaro con i cittadini del territorio di Fiumicino.

Il diritto alla salute

“Oggi gli abitanti di Fiumicino, – dichiarano Bonanni e Cosentino – utenti della Asl Rm3, in caso di eventi acuti, non trattabili nei nuclei di cure primarie distribuiti sul territorio, si vedono costretti a rivolgersi al pronto soccorso dell’ospedale G. b. Grassi di Ostia.

“Questa struttura è già in continua sofferenza nella risposta ai bisogni del bacino di utenza e di competenza, cui si aggiungono gli oltre 40 milioni di passeggeri in transito all’aeroporto Leonardo Da Vinci: tutto questo supera di fatto quanto previsto per un presidio ospedaliero di I livello.

“La città di Fiumicino – proseguono i Candidati Leu – ha da poco superato gli 80mila abitanti, requisito che oggi consente, come da “Regolamento per gli standard ospedalieri” (D.M. n 70/2015), in attuazione del decreto Balduzzi, di richiedere che sia previsto per il territorio un proprio presidio ospedaliero di base, provvisto di pronto soccorso e delle specialità contenute nella norma.

Ci batteremo affinché, con l’uscita dal commissariamento della sanità regionale, i nostri cittadini possano finalmente avere un proprio riferimento di prossimità, a garanzia del diritto alla salute di tutti”.

(Il Faro on line)