Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Sperlonga cambia sul nuovo ritrovamento archeologico ‘Un patrimonio ancora tutto da scoprire’

La minoranza: "Il ritrovamento deve essere anche un input per tornare a investire seriamente sulla tutela e sulla valorizzazione del nostro sito archeologico."

Più informazioni su

Sperlonga – “Il ritrovamento di un capitello romano di origine greca, scoperto grazie a un nostro concittadino, Francesco Rendinaro, è una bella sorpresa per i cittadini di Sperlonga e la conferma che il nostro paese conserva un patrimonio archeologico, storico e culturale ancora nascosto e inesplorato.

Non è la prima volta che, in seguito a una forte mareggiata, semplici cittadini finiscono per imbattersi- affermano, in una nota, i membri di “Sperlonga cambia”– in antichi reperti, frammenti di opere d’arte e colonne di epoca romana nel tratto di spiaggia situato nei pressi dell’area archeologica.

Il reperto, ritrovato in ottimo stato di conservazione, rappresenta un importante passo avanti nella conoscenza dei luoghi amati dall’Imperatore Tiberio. La scoperta, inoltre, deve essere anche un input per riflettere sul ruolo unificante che la cultura assume all’interno della nostra comunità e per tornare a investire seriamente sulla tutela e sulla valorizzazione del sito archeologico nazionale di Sperlonga.

Per troppo tempo, l’amministrazione comunale si è disinteressata di questi temi, con la conseguenza che, ad oggi, il sito e  il museo archeologico di Sperlonga appaiono come luoghi isolati, difficilmente fruibili e poco valorizzati. Gli scavi che sessanta anni fa portarono alla luce i resti e i reperti della villa dell’imperatore Tiberio- prosegue la nota-  rappresentano uno spartiacque nella storia del nostro paese, ma questo è stato un luogo a lungo dimenticato.

Lo scorso anno, in occasione del 60esimo anniversario del famoso ritrovamento, il Comune di Sperlonga non ha organizzato alcun evento in grado di coinvolgere l’intera cittadinanza e di renderla partecipe e protagonista della celebrazione di un momento così importante per la storia della nostra comunità. Malgrado la mozione presentata dal nostro gruppo consiliare per fornire il museo di un parcheggio riservato ai visitatori e ai turisti, l’amministrazione comunale non ha ancora fornito una soluzione al problema. Manca una programmazione politica finalizzata alla promozione turistica del museo, in grado di coniugare turismo balneare e turismo culturale, come manca un’adeguata attività di controllo e vigilanza sul tratto di spiaggia confinante con la villa romana, che in estate è spesso vittima di atti di vandalismo e inciviltà, invaso da ombrelloni, sdraio e rifiuti di vario genere.

Il nostro è un appello– conclude la nota- a tutti gli enti e organismi competenti a lavorare per tutelare e valorizzare un patrimonio storico che rappresenta un unicum a livello mondiale e che appartiene non solo all’identità del popolo sperlongano, ma a tutti gli appassionati di archeologia e gli amanti della cultura.”

Foto di: Carla Di Girolamo.

(Il Faro on line)

Più informazioni su