Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, nel mare di plastica scaricata a riva a Capocotta spunta anche un cucciolo di tartaruga

Ritrovato all’Oasi Naturista un cucciolo di tartaruga: la corsa contro il tempo per salvarlo. Un mare di plastica spiaggiata per la mareggiata

Ostia – A Capocotta insieme con un mare di plastica la mareggiata ha scaricato anche un cucciolo di tartaruga della specie Caretta Caretta. L’hanno ritrovato i gestori dell’Oasi Naturista che hanno fatto una corsa contro il tempo per metterlo in salvo e affidarlo in mani competenti.

CAPOCOTTA

Lo straordinario rinvenimento – straordinario perché non è periodo di schiusa delle uova di tartarughe marine ed è strano che il cucciolo sia sopravvissuto al freddo dell’inverno –  è avvenuto stamattina di fronte al chiosco dell’Oasi Naturista, all’altezza del km 9,200 della via Litoranea Ostia-Anzio. “Stavamo pulendo la spiaggia invasa da plastiche e residui della mareggiata – racconta Veronica Ciotoliquando abbiamo visto quel cucciolo. Lo abbiamo raccolto e lo abbiamo sistemato in una bacinella per evitare che restasse dall’immondizia. E da quel momento abbiamo fatto una corsa contro il tempo per affidarlo in mani sicure che potessero verificare se ha problemi di salute o meno”.

Il cucciolo di Caretta caretta trovato sulla spiaggia dell'Oasi Naturista a Capocotta

Il cucciolo di Caretta caretta trovato sulla spiaggia dell’Oasi Naturista a Capocotta

I gestori dell’Oasi Naturista hanno chiamato tutti gli enti preposti alla salvaguardia dell’ambiente, dal Centro Habitat Mediterraneo al WWF, alla Capitaneria di Porto e persino ai privati dello Zoomarine. “Siamo arrivati fino alla dirigenza dei Carabinieri Forestali e al Ministero dell’Ambiente – riassume Ciotoli – Ci è stato detto che avrebbero mandato un veterinario e siamo certi che lo faranno però questa esperienza ha evidenziato quanto sia importante disporre di un organismo unico in grado di intervenire in situazioni del genere”. Ovviamente il piccolo di tartaruga è stato chiamato affettuosamente Oasi.

I dischetti di plastica delle cialde di caffè spiaggiati lungo tutta la costa laziale

I dischetti di plastica delle cialde di caffè spiaggiati lungo tutta la costa laziale

Resta irrisolto, purtroppo, il problema della enorme quantità di plastica e di rifiuti scaricati dal mare sulle rive di Ostia e Capocotta. Come nel resto della costa laziale, anche sulle rive del mare di Roma sono milioni i dischetti di plastica delle capsule di caffè abbandonate in acqua e spiaggiate. Un fenomeno che ha sicuramente dei responsabili che, ci si augura, vengano individuati e perseguiti.