Seguici su

Cerca nel sito

Civitavecchia Rugby, sconfitta con i Medicei, Mameli, ‘Ci ha traditi la frenesìa, il possesso del campo la cosa positiva’

Quinta di ritorno. Tante le occasioni a meta, ma senza ultima zampata vincente. Partita persa ma senza ridimensionamenti

Il Faro on line – Il Civitavecchia Rugby Centumcellæ perde al cospetto de I Medicei (compagine cadetta del XV di Eccellenza) 28-12, giocando bene ancora una volta con i primi otto uomini.

A Firenze, nella quinta di ritorno del girone 2 di serie B, i biancorossi hanno avuto le occasioni per segnare ma è mancata la zampata vincente: per questo la battuta d’arresto non ridimensionano le ambizioni d crescita di capitan Gabriele Gentile e compagni.

Soprattutto il primo tempo è stato buono degli uomini di Pippo Esposito e Alessandro Mameli, mentre nella ripresa è finita la benzina dei civitavecchiesi, andati in meta due volte. La prima con il rientrante Athos Onofri (trasformata da Gentile), al termine di un’azione insistita nella prima metà di gara; la seconda di Lorenzo Scenna. Di 14-7 il punteggio con cui le formazioni sono andate al riposo.

“Forse ci hanno tradito la frenesia e qualche egoismo di troppo – commenta Mameli, uno degli allenatori – e mi dispiace perché manca la concretizzazione finale di un bel lavoro svolto dalla squadra tant’è vero che potevamo aver segnato altre due mete con conseguente bonus offensivo. A questo livello la differenza la fanno i dettagli e lì il Crc è carente. Di positivo c’è il fatto che come possesso e territorio ci siamo imposti con una formazione forte”.

“Finora abbiamo schierato 44 giocatori – aggiunge Pippo Esposito – e di questi, 40 sono di Civitavecchia. È una soddisfazione aver dato a tanti ragazzi civitavecchiesi questa possibilità, e si continuerà così anche nelle ultime sei giornate di serie B”.