Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, ‘dissesto totale’, finanziario, stradale, amministrativo. Una delibera di Giunta ‘inaccettabile’

La replica dei Sindacati di Polizia Locale alla discutibile, secondo quest'ultimi, delibera di Giunta del 30 marzo u.s.

Ardea – È il caso di dire che ad Ardea è in atto un vero e proprio ‘dissesto totale‘ che mette in luce lo stato di disagio in cui verte il Comune, sotto ogni profilo. Ed anche se, quanto accaduto nelle ultime ore, a detta dell’Assessore Vozza, è da attribuire ad un malinteso e/o comunque, ad una comunicazione forse non proprio adeguata, nelle modalità con cui è stata proposta e nei suoi contenuti, come fanno notare dai Sindacati di Polizia Locale, questo episodio si aggiunge ai già tanti disagi che la cittadinanza deve sopportare.

Così che, dallo stato disastrato e disastroso delle strade (continui incidenti a cose e persone), a quello della sicurezza del territorio (si vedano i numerosi furti in strada, nelle abitazioni e nei negozi), dal complicato ‘nodo‘ da sciogliere, relativo alla questione de ‘Le Salzare‘ (recupero urbanistico e ambientale di 736 ettari su cui gravitano abusi edilizi e commerciali), alla chiusura di servizi pubblici quali le delegazioni di Montagnano e Tor San Lorenzo, alla sospensione del servizio Aec, senza tralasciare l’esposto dei cittadini di Montagnano che hanno rilevato ‘dubbimovimenti di terra nella loro zona con possibili danni all’ambiente, ora, si aggiunge anche la ‘destabilizzantedelibera della Giunta Comunale che punta il dito sull’operato della Polizia Locale, indirizzando quest’ultima a svolgere specifiche attività.

Nello specifico, quest’ultima delibera di Giunta non è stata presa molto bene dai diretti interessati che, attraverso i propri sindacati hanno risposto, prontamente, all’appunto mosso nei loro confronti dall’Amministrazione Locale.

SINDACATO_UIL FPLComportamento inaccettabile – dichiara Rita Longobardi, delegata territoriale UIL FPL Roma e Lazio – quello assunto dalla Giunta Comunale con la delibera nr. 26 del 30/03/2018“. La stessa, puntualizza inoltre, lo stato precario nel quale sono costretti a svolgere le proprie mansioni gli agenti di Polizia Locale, dettato, sia dalla carenza di personale non adeguato al numero dei residenti di ardea, sia alla carenza di mezzi (strumenti e dispositivi) adeguati allo sviluppo di tutte  le attività per cui lo stesso corpo di Polizia Locale è preposto a svolgere.

SINDACATO_CSA RALA fare da eco all’appunto del delegato territoriale del Sindacato UIL FPL Roma e Lazio, interviene il delegato territoriale del Sindacato di Polizia Locale CSA RAL, Michele Regis. “Dobbiamo far notare – dichiara Regis – intanto che abbiamo da tempo chiesto un incontro all’Assessore Vozza presso la sede comunale e ad oggi non abbiamo ancora avuto risposta. Dopo un anno di governo comunale – continua il delegato del CSA RAL – appare una delibera in cui si invita a far compilare al personale della Polizia Locale delle relazioni giornaliere. Dopo un anno di attività spiace che la parte politica non sappia che il personale della Polizia Locale già compila le relazioni di servizio giornaliere, che, ovviamente, la parte politica non può consultare essendo atti di un Corpo di PoliziaPoi, Regis, prima di fare il lungo elenco delle carenze che condizionano negativamente l’operato della Polizia Locale e per le quali, nonostante tutto quest’ultima svolge con dedizione, professionalità e senso civico il proprio operato, aggiunge che, “per quanto riguarda il riepilogo settimanale disposto con la Delibera di Giunta in questione, si fa notare che la settimana lavorativa della Polizia Locale non termina il venerdì, poiché il personale della Polizia Locale lavora anche il sabato e la domenica quando gli altri uffici sono chiusi“.

VozzaA tali repliche, ha ulteriormente risposto Domenico Vozza, Assessore alla Sicurezza del Comune di Ardea, volendo in qualche modo recuperare, l’inevitabile  ‘strappo‘ che, la Giunta Comunale con la sua delibera, ha provocato tra l’Amministrazione e la Polizia Locale.

Lo stesso Vozza, nella sua nota ammette che ci sono alcune mancanza che non permettono agli agenti della Polizia Locale di poter lavorare con maggiore efficacia e incisività e tiene a precisare che non era intenzione dell’Amministrazione colpire gli agenti, piuttosto, quello di individuare delle priorità.

 

(Il faro on line)