Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Villa Prato a Sperlonga, la minoranza attacca ‘La giunta Cusani prende lucciole per lanterne’

Sperlonga cambia: "La questione di Villa Prato è decisamente troppo seria per essere affrontata in modo così superficiale."

Sperlonga – Poco dopo le festività pasquali, l’assessore D’Arcangelo aveva invocato una ripresa dei valori per il recupero e la valorizzazione di Villa Prato partendo da un “parere positivo” dato dall’Anac (Autorità nazionale anti corruzione). Ma la minoranza chiarisce subito: non era un “sì” ma un “leggetevi il Codice degli appalti.”

“La giunta Cusani, nelle sue articolazioni vecchie e nuove, – affermano, infatti, in una nota, i membri di “Sperlonga cambia” – ci aveva abituato a tutto, ma spacciare una nota di risposta in cui l’Autorità Nazionale rinvia a quanto stabilito dal Codice degli Appalti come un parere positivo  per la ripresa dei lavori nel sito archeologico ha quasi del comico.

Non solo. La comunicazione dell’Autorità Nazionale risale a giugno 2017. Questo significa che il “parere” è rimasto a prendere muffa nei cassetti del Comune per quasi un anno, fino a quando il solito D’Arcangelo ha pensato di fare e di farsi pubblicità rilanciando l’ennesimo progetto che poi non vede la luce.

La questione di Villa Prato è decisamente troppo seria per essere affrontata in modo così superficiale. Il tema non è solo quello della doverosa valorizzazione di un’area archeologica e culturale del nostro paese, ma c’è una grave vicenda giudiziaria che vede il sindaco sotto processo per corruzione e appalti truccati e che non può essere ignorata. C’è una normativa chiara sugli appalti pubblici, ci sono fondi pubblici che devono essere spesi con trasparenza e c’è una serietà nell’operato della politica che in questo caso abbiamo difficoltà a riscontrare.

Sperlonga– continua la nota- non ha bisogno di annunci su progetti che poi rimangono sulla carta, finanziamenti che poi non arrivano o che arrivano e poi vengono revocati, come nel caso di Bazzano. Soprattutto, non abbiamo bisogno di una politica che si autocompiace ma che non risolve i problemi del nostro paese.

Crediamo sia finito il tempo di lanciare fumo negli occhi dei cittadini di Sperlonga raccontando che tutto va bene. La sola verità è che questa maggioranza consiliare è ormai vittima del proprio racconto, bloccata dai problemi che essa stessa ha creato e incapace di dare risposte concrete. Le dimissioni in sequenza di vari esponenti dell’amministrazione Cusani – conclude la nota-dimostrano che anche all’interno della maggioranza si sta facendo strada la convinzione che non c’è alcuna possibilità di porre rimedio a questo fallimento politico.

(Il Faro on line)