Seguici su

Cerca nel sito

Fiamme Oro Rugby, vigilia di ritorno con il Petrarca, Amenta, ‘80 minuti da giocare, ci crediamo ancora, lo faremo fino all’ultimo’

Partita della vita in trasferta. I cremisi ci credono e hanno lavorato sodo tutta la settimana. Il capitano spinge ai suoi a compiere l’impresa

Il Faro on line – Ancora 80 minuti per le Fiamme che questo pomeriggio alle 16,00, al “Memo Geremia” di Padova, si giocheranno contro il Petrarca le ultime chance nella semifinale di ritorno dei playoff scudetto 2017/18.

Dopo la sconfitta casalinga di sabato scorso patita sul sintetico di Ponte Galeria, con i veneti usciti dal campo con il bottino pieno, quella di sabato ha quasi il sapore di una “missione impossibile” per i Cremisi, in svantaggio di cinque punti a zero e con un passivo di nove lunghezze da recuperare.

Ma al quartier generale del XV della Polizia di Stato, i ragazzi di Guidi e lo staff tecnico hanno lavorato tutta la settimana proprio sugli errori commessi nel match di andata contro i “Tuttineri”, per evitare che si ripetano e per mettere a posto alcuni fondamentali, come le touche, che sabato scorso hanno visto le Fiamme concedere troppi puntualmente sfruttati dagli ospiti.

Dunque, la parola d’ordine a Ponte Galeria, è “crederci ancora”, così come conferma il capitano Mirko Amenta: «Mancano ancora 80 minuti da giocare e noi di certo non andremo a Padova per fare una passeggiata. Sì, è vero, i nostri avversari sono davvero forti, in forma e sabato scorso ce lo hanno ampiamente dimostrato, ma noi ci crediamo ancora e io e i miei compagni lo faremo fino all’ultimo minuto giocabile. Dovremo stare molto attenti a non concedere troppo al Petrarca, così come abbiamo fatto all’andata, perché la squadra padovana è stata fin troppo brava a sfruttare i nostri errori».

Pochi i cambiamenti nel XV iniziale scelto da Guidi e che sabato affronterà il Petrarca, dettati anche dalla lista degli infortunati che si è allungata: agli indisponibili Di Stefano, Caffini, Marinaro e Vaccari, si va ad aggiungere anche Simone Favaro, il cui impiego sarò incerto fino all’ultimo: in prima linea, Amar Kudin rileverà Alain Moriconi a tallonatore e farà reparto con Niccolò Zago e George Iacob; in seconda ci saranno Davide Fragnito e Matteo Cornelli, mentre viene confermata in blocco la terza linea che vedrà schierati, con capitan Mirko Amenta numero 8, i due flanker Filippo Cristiano e Jacopo Bianchi; i due mediani saranno ancora Simone Parisotto e Filippo Buscema, così come la coppia di cetri composta da Matteo Gabbianelli e Roberto Quartaroli; il triangolo allargato sarà di nuovo composto da Andrea Bacchetti, Michele Sepe e Chauncy Edwardson. In panchina andranno Alain Moriconi, Fabio Cocivera o Stefano Iovenitti, Alessio Ceglie, Gianmarco Duca, Giovanni Licata, Dennis Bergamin, Guido Calabrese e Giovanni Massaro.

Fischio d’inizio previsto per le 16 agli ordini del bresciano Andrea Piardi che arbitrerà l’incontro con gli assistenti, Gnecchi e Boaretto, il quarto uomo, Cusano, il quinto uomo, Franzoi, e il TMO, Roscini.

La probabile formazione

Edwardson; Sepe, Quartaroli, Gabbianelli, Bacchetti; Buscema, Parisotto; Amenta, Cristiano, Bianchi; Cornelli, Fragnito; Iacob, Kudin, Zago. A disposizione: Moriconi, Cocivera (Iovenitti), Ceglie, Duca, Licata, Bergamin, Calabrese, Massaro.

Foto : Fiamme Oro Rugby