Seguici su

Cerca nel sito

Russo D’Auria, ‘dobbiamo proteggere i soldi dei cittadini, via dal Consorzio di Bonifica’

Il delegato del Sindaco: "Ogni euro prelevato da una famiglia pesa come un macigno. Non possiamo più spendere per un servizio che non funziona"

Fiumicino – “Ci vuole maggiore rispetto per i soldi dei cittadini. Ecco perché credo che l’uscita dal Consorzio di bonifica sia l’unica strada possibile per il prossimo futuro”. Mario Russo D’Auria, candidato nella lista civica per Montino, va dritto al cuore del problema.

“Per anni abbiamo cercato un dialogo che non si è mai aperto, per anni – prosegue Russo D’Auria, che ha anche la qualifica di delegato del sindaco per i problemi idraulici del territorio – abbiamo inutilmente chiesto di pubblicare il programma di manutenzione dei canali, per anni abbiamo sollecitato, senza alcuna risposta, interventi rapidi sui canali di bonifica infestati da piante che ostruivano il decorso dell’acqua.

Insomma, totale abbandono e totale mancanza di comunicazione. Però i soldi il Consorzio li chiede eccome, con regolarità e puntualità. Tutto ciò è intollerabile, in un momento storico in cui le famiglie contano anche il singolo euro speso.

Il Consorzio non riesce ad eseguire anche dei piccoli lavori di riqualificazione e messa in sicurezza delle strade adiacenti ai canali, creando spesso una situazione di pericolo per l’incolumità dei residenti e di chi vi transita.

Non solo, ma l’incuria danneggia anche la fauna locale, dai pesci ai volatili che nei canali troverebbero il giusto alveo per riprodursi.

Se a questo aggiungiamo che fu proprio l’Amministrazione comunale di Fiumicino, dopo l’alluvione del 2014, a spendere ben 250 mila euro per le nuove pompe idrovore, a salvaguardia dei residenti di Isola Sacra, è chiara l’inutilità di far parte di un Consorzio ormai superato dalla storia e dall’attualità.

Dobbiamo uscire dal Consorzio di Bonifica – conclude Russo D’Auria – e rilevare la competenza riguardo strade e canali di Isola Sacra, compresa la relativa stazione di pompaggio”.