Seguici su

Cerca nel sito

#Fiumicino2018, Lorenzo Melchiorri, ‘Porto commerciale, un progetto che può diventare realtà’ foto

Il presidente della Cooperativa Nuova Fiumicino Pesca: "Con Baccini sindaco si troverà la strada per realizzare la nuova struttura"

Fiumicino – “Il porto commerciale di Fiumicino prenderà vita”. Quello che fino ad oggi è stato un mantra delle tante campagne elettorali che si sono susseguite sul territorio, potrebbe diventare realtà grazie alla nuova Amministrazione comunale.

Ne è convinto Lorenzo Melchiorri, presidente della Cooperativa Nuova Fiumicino Pesca, il quale ritiene la città di Fiumicino “avrà come Sindaco un uomo, prima che un politico, legato al proprio territorio e da sempre in prima linea per la realizzazione di quello che tutti noi consideriamo il volano indispensabile per la definitiva consacrazione della nostra città: la realizzazione del porto commerciale”.

“Il mare è vita ma per Fiumicino è ancora di più. È una vocazione. Il mare per tutti noi fiumicinesi ha determinato, e determina, ogni scelta di vita e, per questo, da sempre, lo rispettiamo ed amiamo.

Ma non basta, il mare va corredato di strutture idonee ad accogliere, anche, le istanze di chi lo vive e vive con esso”, afferma Melchiorri.

“Pescatori, corporazione di piloti, gruppo ormeggiatori, operatori portuali dei rimorchiatori, servizi portuali, servizi antinquinamento e tante altre associazioni, commercianti, società operanti nel settore che completano l’indotto, per venti lunghi anni si sono prodigate a combattere una giusta battaglia: realizzare il Porto Commerciale a Fiumicino”, aggiunge il presidente della Cooperativa.

“Ritengo importante, in questo momento, parlarne perché, anche questa campagna elettorale, non si trasformi, come tutte le altre, in un teatro di scontro politico su tematiche di livello nazionale – prosegue Melchiorri -. Il territorio deve rappresentare il punto di partenza della politica di Fiumicino e dei propri Rappresentanti”.

Facendo un breve excursus storico delle attività poste in essere per la realizzazione del porto, Melchiorri ricorda l’impegno di Mario Baccini nell’aver costituito l’Associazione Operatori del Porto di Fiumicino (Apof), nel 1997, che contava oltre cinquanta associati.

“Da allora il Popolo del Mare ha dato vita ad una lunga “battaglia” e con il fondamentale supporto politico di Mario Baccini, abbiamo cominciato a vincerle, come: l’approvazione da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e del Ministero dell’Ambiente del progetto per la realizzazione del Porto commerciale di Fiumicino

Nel 1999, tra Aopf e Autorità Portuale di Civitavecchia, che prevedeva l’allargamento circoscrizionale della stessa Autorità anche sul porto di Fiumicino, si è individuato l’Ente Pubblico demandato alla realizzazione del Porto”, ricorda Melchiorri.

Due decenni di scontri burocratici che “le precedenti amministrazioni, pur con la presa d’atto delle difficoltà manifestate dalle categorie, non sono riuscite ad avere fattivo riscontro. Si sono susseguiti soltanto interventi minori e palliativi, di opere vitali, più che necessarie all’attività delle imprese portuali neanche l’ombra.

Oggi gli Operatori del Porto non sono più nelle condizioni di continuare a operare in una struttura, ormai obsoleta, come il porto canale.

Inutile tornare sugli annosi motivi, che tutti conoscono, e che hanno ormai reso quasi impraticabile l’ormeggio e la navigabilità, spesso anche con conseguenze gravi per beni e persone”.

“Son certo di notare, nel nostro settore, la diffusa convinzione che l’On. Mario Baccini, per la sua perseveranza, per il suo impegno profuso in tanti anni di lotta, per il riconosciuto acume politico e per la conoscenza delle istanze di una intera comunità, peraltro fatte proprie già in un passato nel quale non ne avrebbe avuto bisogno, possa agire con autorevolezza ad ogni livello e con tutti gli Enti competenti: Autorità del sistema portuale, Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell’Ambiente e Regione Lazio”, aggiunge Melchiorri.

E conclude: “Siamo certi che Mario Baccini avrà la forza e la capacità di trovare la strada che consenta di avere un futuro migliore a tutti i lavoratori del porto e a tutti i cittadini di Fiumicino. Lo ha già fatto quando non era Sindaco, lo farà da Sindaco”.