Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Serie A al termine, i verdetti dell’ultima giornata, Inter qualificata in Champions

La Serie A chiude con una rimonta ai limiti del possibile: i nerazzurri conquistano il quarto posto ai danni della Lazio (2-3).

Il campionato di Serie A volge alla conclusione con i festeggiamenti – già annunciati – della Juve campione d’Italia e quelli giunti all’ultimo respiro da parte dell’Inter vittoriosa per 3-2 all’Olimpico nello spareggio Champions contro la Lazio.

Con 91 punti, il Napoli diventa la seconda classificata migliore di sempre del nostro campionato e spedisce in Serie B il Crotone per la gioia di Spal, Cagliari, Chievo e Udinese, tutte salve e vittoriose.

L’autorete di Pegolo manda avanti la Roma in Emilia: Sassuolo battuto e terzo posto matematico davanti Inter e Lazio che si giocano l’all-in all’Olimpico.

In quello che doveva essere uno ‘spareggio’ inappellabile contro l’Inter la squadra di Inzaghi domina la prima frazione, trova la rete su un tiro di Marusic deviato con il volto da Perisic ma si lascia raggiungere con la marcatura di D’Ambrosio, salvo poi ristabilire il vantaggio col taglio splendido di Lulic per Anderson che chiude nel migliore dei modi il contropiede.

Nella ripresa i biancocelesti optano per la gestione del risultato con successo, almeno fino all’episodio che cambierà per sempre le sorti dell’incontro: il contatto su Icardi in area di De Vrij – proprio lui, promesso interista a partire dalla prossima stagione – porta al tiro dagli undici metri con l’argentino che insacca.

Da quel momento in poi accade di tutto, col doppio giallo che porta all’espulsione di Lulic e la rete, due minuti dopo, di Vecino che conclude di testa sul corner di Brozovic spedendo la squadra ospite in paradiso.

Finisce con le lacrime del popolo laziale accorso in massa allo stadio con oltre 50.000 spettatori. L’Inter ha giocato un ottimo girone d’andata salvo poi arrancare fino all’ultima grande gioia. Qualche rammarico in più per la Lazio con tanti punti persi per strada ed errori pesanti da parte delle direzioni di gara che si sono succedute nei momenti cruciali della stagione.

Europa per Milan e Atalanta, Crotone in B

Sonoro 5-1 del Milan a S.Siro a spese della Fiorentina. Tra i rossoneri spicca Patrick Cutrone (doppietta) e Calhanoglu, completano il tabellino Kalinic e Bonaventura, con l’unica rete ospite che porta il nome di Simeone.

Con questo successo i rossoneri conquistano l’obiettivo minimo della stagione, raggiungendo l’Europa League in compagnia di Lazio e Atalanta, con la ‘Dea’ sconfitta in modo indolore a Cagliari.

Nulla da fare per il Crotone, che segue Verona e Benevento in Serie B. Poco da fare in quel di Napoli per la squadra allenata da Zenga che ha provato fino all’ultimo a salvarsi (come tante) senza fare il miracolo.

Le vittorie di Spal e Cagliari fanno il resto, condannando gli squali al campionato cadetto. Non resta che lavorare e programmare in vista della stagione che verrà: Empoli e Parma sono già sicure della promozione, resta da scoprire l’esito dei playoff di Serie B per completare il quadro del prossimo campionato.

[Il Faro On line]