Seguici su

Cerca nel sito

Terracina, il Circolo Legambiente ‘Pisco Montano’ e i risultati di ‘Beach Litter 2018’

Terracina entra per la terza volta nell’indagine “Beach Litter 2018” come uno dei 4 siti del Lazio sottoposto a classificazione e monitoraggio.

Terracina – Dal 1995 “Legambiente” coordina per l’Italia la campagna “Spiagge e Fondali Puliti” all’interno del programma internazionale “Clean Up the Med” che coinvolge 21 Paesi del Mediterraneo.

Quest’anno l’appuntamento si è svolto il 26-27-28 maggio con oltre 300 iniziative in tutta Italia, una delle quali a Terracina, organizzata dal Circolo Legambiente Terracina in collaborazione con il Sindacato Italiano Balneari Confcommercio di Terracina, con il supporto della rete Plastic Free Beaches Terracina, con la collaborazione delle Cooperative dei Pescatori di Terracina e la partecipazione attiva dell’Istituto Tecnico Statale A. Bianchini, dell’Istituto Comprensivo Maria Montessori, con il Patrocinio del Comune di Terracina, dell’Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, della De Vizia Transfer SpA Urbaser SA gestore cittadino dei rifiuti, della D&J Bertelli Costruzioni, società appaltatrice della pulizia dell’Area del Molo e della Associazione Chimica Verde Bionet.

L’indagine scientifica di Legambiente ha visto quest’anno 78 spiagge italiane monitorate per un totale di oltre 400 mila metri quadri, pari a quasi 60 campi di calcio, sono stati trovati una media di 620 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia. La plastica si conferma la regina indiscussa tra i materiali più trovati, con un percentuale dell’80%, seguita da seguita da vetro/ceramica (7,4%), metallo (3,7%) e carta/cartone (3,4%). Sul podio dei rifiuti più trovati ci sono i frammenti di plastica, ovvero i residui di materiali che hanno già iniziato il loro processo di disgregazione, anelli e tappi di plastica e infine i cotton fioc, che salgono quest’anno al terzo posto della top ten. I rifiuti plastici usa e getta sono stati rinvenuti nel 95% delle spiagge monitorate. Si tratta di oggetti creati per finire la loro vita immediatamente o poco dopo il loro utilizzo, come bottiglie, stoviglie e buste, e sui quali è necessario insistere a livello legislativo metterei a livello europeo, sia per la loro riduzione che per un più controllato e corretto smaltimento se si vuole affrontare con determinazione il problema del marine litter.

I risultati dell’indagine effettuata a Terracina

Il Circolo Legambiente di Terracina “Pisco Montano” durante la conferenza tenutasi sabato 26 presso l’Istituto A. Bianchini ha presentato a cura del vicepresidente del Circolo e Responsabile Scientifico ingegner Gabriele Subiaco, coadiuvato dai ragazzi del IIIB dell’indirizzo chimico dell’ITS A. Bianchini e alla presenza attenta del sindaco Nicola Procaccini e di numerosi studenti, insegnanti, associazioni e cittadini interessati al proprio ambiente naturale, i risultati ufficiali dell’indagine “Beach Litter 2018” sui rifiuti spiaggiati effettuata lo scorso 12 aprile sulla spiaggia di Levante di Terracina.

Terracina, con la Spiaggia di Levante (nostra spiaggia campione), entra quindi per la terza  volta, nell’indagine “Beach Litter 2018” come uno dei 4 siti del Lazio sottoposto a classificazione e monitoraggio.

A Terracina quest’anno, l’indagine è stata effettuata lo scorso 12 aprile su un’area di 5000 metri quadri sempre presso la Spiaggia di Levante dai volontari del Circolo Legambiente, coadiuvati dai ragazzi del IIIB dell’indirizzo chimico dell’ITS A. Bianchini. Sono stati raccolti e classificati (utilizzando un questionario ed un protocollo di raccolta, campionamento e classificazione internazionale sviluppato sulla base della Marine Strategy Framework Directive che permette il confronto tra i dati raccolti da chiunque lo utilizzi) ben 1457 rifiuti con una media di 29 rifiuti ogni 100 metri quadri in linea con la media del 2017 sempre sulla stessa spiaggia (28 rifiuti ogni 100 metri quadri) e con la densità media nazionale che è di 28,46 rifiuti ogni 100 metri quadri. Di questi rifiuti 589 sono ascrivibili a cattiva gestione dei rifiuti urbani, 106 a mancata depurazione e 29 ad attività produttive come pesca e acquacoltura.

Emergono però due importanti dati di confronto con i dati dell’anno scorso: la rilevante diminuzione dei mozziconi di sigarette (circa il 30% in meno rispetto al 2017) e la notevole diminuzione dei cotton fioc (circa il 70% in meno rispetto al 2017) e questo anche grazie alle campagne estive di Legambiente e alla campagna lanciata proprio a Terracina l’anno scorso #norifiutinelwc e grazie all’impegno di Acqualatina Spa nell’adeguare i filtri della depurazione. Mentre,  la plastica la fa da padrona con circa l’80% del totale.

“Sono oltre 100 milioni di tonnellate i rifiuti che si riversano ogni anno nei mari, oltre l’80% dei rifiuti deriva da attività umane e per la gran parte è fatto di plastica. Oggi quella della plastica negli oceani è riconosciuta sicuramente come una delle maggiori minacce ambientali con danni enormi oltre che ambientali e alla biodiversità, anche economici (alla Pesca ed al Turismo) e alla salute umana.

Se non si farà nulla per la prevenzione, nel 2025 (cioè domani) la quantità di plastica negli oceani sarà 3 volte quella di oggi e nel 2050 nei mari ci sarà più plastica che pesce. Occorre agire velocemente sul fronte della prevenzione a terra e della raccolta dei rifiuti presenti in mare e i pescatori e gli operatori balneari possono veramente diventare i protagonisti positivi di questa battaglia.  Terracina, con il grande lavoro del nostro Circolo e con il supporto di tante realtà economiche sensibili a questi temi, è oramai all’attenzione nazionale per i progetti e le buone pratiche ambientali, ma è necessario mettere in piedi, monitorare e misurare, a livello locale, dei reali processi di miglioramento che vadano ad incidere concretamente sulla qualità della vita del cittadino e del turista della nostra città se vogliamo veramente riempire di senso raggiungimenti come “la bandiera blu”, tenendo sempre presente che i progetti ambientali sono anche un formidabile strumento di marketing e di promozione turistica della nostra Città” conclude Gabriele Subiaco.

(Il Faro on line)