Seguici su

Cerca nel sito

Cucunato ‘M5S indifferente al rischio chiusura dell’Ufficio Postale di Vitinia’

Il consigliere comunale del IX Municipio di Forza Italia: "La maggioranza pentastellata non ha messo come priorità la riapertura di un servizio primario che serve una utenza di 50 mila residenti"

Eur – “Lo sportello anagrafico di Spinaceto continua a rimanere chiuso e non riapre fine a data da destinarsi, mentre il governo del IX Municipio non muove un dito, alla chiusura di importanti presidi di servizi, come l’Ufficio Postale di Vitinia,dove si paventa una chiusura definitiva a breve. Il tutto senza che il governo del IX Municipio targato M5S, abbia fatto qualcosa per impedire queste situazioni“.

E’ quanto denuncia di Piero Cucunato, consigliere di Roma Capitale al IX Municipio.

Abbiamo discusso in un Consiglio straordinario i motivi della chiusura dell’ufficio Anagrafe di largo Cannella, ma è venuto fuori che la riapertura a fine maggio, come avevano dichiarato gli esponenti del M5S, sono risultati come al solito annunci e propaganda e notizia falsa“, afferma il consigliere di Forza Italia.

La parte amministrativa ha risolto i problemi igienico sanitari e riqualificato l’immobile, ma purtroppo dopo i lavori fatti – sottolinea Cucunato – la maggioranza a M5S non ha messo come priorità la riapertura di un servizio primario che serve una utenza di 50 mila residenti, dimostrando di voler penalizzare un quartiere già penalizzato per le numerose cose che non funzionano. Mi riferisco al verde, alla raccolta differenziata, all’arredo urbano, alla manutenzione dei marciapiedi e delle strade”.

Mi auguro che per Vitinia si possa trovare una soluzione, per questo c’è bisogno del contributo di tutti, come del resto anche per Mezzocammino – conclude il consigliere di Fi – credo che sarebbe opportuno far applicare la risoluzione promossa dal sottoscritto, e votata dal Consiglio IX Municipio, per potenziare la sicurezza urbana con un presidio fisso o mobile e riqualificare le aree verdi e i parchi, in completo stato di abbandono da parte di Roma Capitale e del Municipio“.