Seguici su

Cerca nel sito

La Rosa ‘Comune di Civitavecchia al fianco dei cittadini nel ricorso per gli usi civici’

La Rosa: "Tuteleremo i cittadini che, incolpevolmente, si sono ritrovati a pagare per le negligenze burocratiche che hanno creato un problema complicato e grave."

Civitavecchia – “La Sentenza della Corte Costituzionale n.113 del 31 maggio scorso ha aggravato notevolmente la situazione dei cittadini che sono in possesso di un immobile sito su aree del demanio collettivo.

Nella sentenza, infatti, – afferma, in una nota, il consigliere comunale Emanuele La Rosa – i giudici della Corte Costituzionale hanno ribadito che il demanio collettivo è uno strumento di tutela per il paesaggio e l’ambiente; nonostante la condivisibile finalità degli Usi Civici, questa non vale nel caso di molte aree demaniali già urbanizzate di Civitavecchia le quali non hanno alcun valore né ambientale né paesaggistico. Per questa ragione ho protocollato una Mozione che chiede all’Amministrazione Comunale di segnalare al parlamento e al ministero dell’ambiente l’esistenza di questa problematica al fine di trovare una procedura snella e rigorosa per risolverla.

Nel caso di Civitavecchia la situazione è stata resa particolarmente grave perché alcuni quartieri sono nati in aree demaniali prima che la sentenza n.181 del 1990 da parte del commissario degli usi civici ne stabilisse la demanialità. Va anche detto che negli anni successivi, fino al 2015, si sono succeduti atti di compravendita di immobili siti in aree di demanio collettivo senza un intervento degli Enti preposti al controllo.

Data la gravità di questa situazione molti cittadini hanno fatto ricorso al Commissario degli Usi Civici per rivedere i confini delle aree gravate da uso civico, e lo hanno fatto portando nuovi documenti che non erano stati portati durante il ricorso precedente. Data l’importanza della vicenda, l’Amministrazione Comunale di Civitavecchia ha dato incarico ad un proprio Ctu di elaborare una perizia di parte e ha dato mandato ai propri avvocati di prendere parte ai ricorsi che sono stati intentati presso il Commissario agli Usi Civici. In questa maniera, l’Amministrazione Comunale- conclude la nota- intende tutelare i cittadini che incolpevolmente si sono ritrovati a pagare per le negligenze e le inefficienze burocratiche che hanno creato un problema complicato e grave. Parleremo di tutte queste cose durante il prossimo consiglio comunale dedicato agli Usi Civici.”