Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Alto donne, Alessia Trost a Stoccolma in pedana Diamond

La capitale svedese ospita la sesta tappa della IAAF Diamond League. Alto con l'azzurra bronzo mondiale indoor, nei 400hs nuovo duello Samba-Warholm

Il Faro on line – Nel pomeriggio di domani 10 giugno, sesto appuntamento della IAAF Diamond League 2018 con il Bauhaus Galan di Stoccolma.

In gara nella capitale svedese l’azzurra Alessia Trost, bronzo mondiale indoor dell’alto, che alla seconda uscita della stagione all’aperto proverà a salire dopo l’esordio a 1,88 nel Golden Gala Pietro Mennea.

La 25enne delle Fiamme Gialle ritroverà l’iridata russa Mariya Lasitskene-Kuchina, arrivata a 41 successi di fila con 39 salti oltre i 2 metri. Terzo duello nell’arco di dieci giorni sui 400 ostacoli tra il qatariano Abderrahman Samba, 47.48 a Roma prima di imporsi anche a Oslo, e il norvegese campione del mondo Karsten Warholm. Un’altra rivincita appassionante nel lungo: il sudafricano Luvo Manyonga (8,58) riceverà la nuova sfida del 19enne cubano Juan Miguel Echevarria, secondo al Golden Gala con 8,53. Nell’asta torna l’iridato Sam Kendricks contro l’astro nascente svedese Armand Duplantis, mentre nel lungo femminile la serba Ivana Spanovic cercherà di riprendersi la leadership stagionale. Promettono spettacolo le gare di sprint con l’iridato dei 200 metri Ramil Guliyev, sotto i 20 secondi a Oslo (19.90), opposto al quattrocentista bahamense Steven Gardiner (19.75 quest’anno). Nei 100 donne ancora favorita l’ivoriana Murielle Ahouré, quindi sui 400 la campionessa mondiale Phyllis Francis dovrà fare i conti con l’argento iridato Salwa Aid Naser, ventenne del Bahrain che l’ha sconfitta nel meeting infrasettimanale.

Trost in pedanaAlessia Trost (Fiamme Gialle) torna in pedana a Stoccolma dopo l’esordio outdoor nel Golden Gala Pietro Mennea. Per la saltatrice bronzo mondiale indoor si tratta della quinta partecipazione al prestigioso meeting svedese, dove nel 2015 centrò il miglior piazzamento con un secondo posto a quota 1,90. Tra le avversarie dell’azzurra, ancora Mariya Lasitskene-Kuchina e Yuilya Levchenko, oro e argento mondiale, e la bulgara Demireva, seconda ai Giochi di Rio. Sulla via di Berlino l’altista friulana è attesa a un progresso nella misura, dopo il debutto all’Olimpico con 1,88.

Sfide e rivincite – Molti dei protagonisti del Golden Gala si ritrovano a Stoccolma, a iniziare dai due fenomenali astri dei 400hs uomini, il qatariano Abderrahman Samba (47.48) e il campione del mondo norvegese Karsten Warholm, nuovo primatista europeo under 23 con 47.82, attesi alla rivincita anche del meeting di giovedì sera a Oslo. Pedana caldissima nel lungo: dopo Roma, si ritrovano faccia a faccia il sudafricano Luvo Manyonga (8,58) e il cubano Juan Miguel Echevarría, secondo al Golden Gala con 8,53. In gara anche il campione olimpico Jeff Henderson e l’altro sudafricano Samaai. Replica anche nell’asta con Sam Kendricks nuovamente a confronto con i polacchi Wojciechowski e Lisek ma soprattutto con il talento svedese Armand Duplantis, a più riprese primatista mondiale under 20, e il disco uomini con il vincitore romano Fedrick Dacres ancora in compagnia dell’iridato lituano Gudzius, dello svedese Stahl e degli altri discoboli-top Hadadi, Finley, Milanov e Weisshaidinger, oltre al pluricampione Robert Harting.

Gardiner sui 200 – Il bahamense Steven Gardiner, grande protagonista nell’avvio del circuito a Doha e Shanghai con due superbe prove sui 400 metri, entrambe sotto i 44 secondi, correrà i 200 metri dove vanta 19.75, ottenuto a inizio stagione. Il campione del mondo Guliyev, il canadese Brown, il britannico Mitchell-Blake e il sudafricano Adams completano il cast dei migliori iscritti. Murielle Ahouré è ancora la favorita dei 100 femminili: dopo il 10.91 di giovedì si ripete la sfida con Dina Asher-Smith, che a Oslo ha portato il record britannico a 10.92. Tra le avversarie più accreditate anche la primatista sudafricana Carina Horn e la tedesca Gina Luckenkemper. Sui 400 un’altra vincitrice della Diamond League di Roma, Salwa Eid Naser, contro un poker di specialiste USA quali la campionessa mondiale Phyllis Francis e le varie Okolo, Beard, Stepter e anche l’ostacolista Little. Sui 100hs Brianna McNeal-Rollins è l’atleta da battere: oltre alle altre americane Manning e Harper-Nelson, c’è la bielorussa Alina Talay, forte di un recente 12.41, e l’ex iridata giamaicana Danielle Williams, che si è imposta a Oslo in 12.60.

Spanovic nel lungo, 5000 eccelso – La serba Ivana Spanovic ha nel mirino vittoria e mondiale stagionale, detenuto dalla tedesca Mihambo con 6,99, presente a Stoccolma al pari dell’olimpionica Tianna Bartoletta, dell’altra tedesca Moguenara e della canadese campionessa del Commonwealth Nettey. Sulla carta, Stoccolma ospiterà il miglior 5000 metri uomini della prima parte di stagione: tra gli iscritti ci sono l’etiope Selemon Barega, i keniani Paul Tanui e Cyrus Rutto e i fratelli norvegesi Henrik e Filip Ingebrigtsen. Il mezzofondo donne offre la ribalta alla fortissima scozzese Laura Muir, alla sempre tenace miler statunitense Jenny Simpson, ad alcune delle migliori africane in circolazione, le etiopi Alemu, Sado e Tsegay, e la neo-primatista dell’Oceania Hall.

In programma anche gare non-Diamond League: c’è Ivet Lalova-Collio sui 200 donne, dove esordisce in un grande meeting la neo-primatista scozzese Beth Dobbin. Nei 100 maschili il recordman giapponese Kiryu (9.98) e il canadese Smellie, recentemente sceso a 10.01. Altre gare non valide per il montepremi sono gli 800 donne con l’ex-campionessa d’Europa Lynsey Sharp, gli 800 maschili con il keniano Alfred Kipketer nome di maggior richiamo, e il 1000 metri uomini con il keniano già vincitore di specialità in Diamond League Ferguson Rotich e il polacco Kszczot.

TV – Domenica 10 giugno in diretta su Fox Sports HD (canale 204 Sky) dalle ore 16.00 alle 18.00.

Foto : Fidal/Colombo