Seguici su

Cerca nel sito

Anselmo Tomaino, ‘Ora è il momento di dare risposte al popolo di centrodestra’ #ballottaggioafiumicino

"La campagna elettorale è stata durissima, ma è nelle corse della politica. Ora apertura a Lega e Fratelli d'Italia, su un programma per la città"

Fiumicino – “Voglio ringraziare chi ha sostenuto Cuori per Fiumicino, una lista nuova, con quasi tutti candidati presentatisi per la prima volta. Ringrazio chi ci ha sostenuto, l’intera squadra di candidati, in particolare le donne, e Massimiliano Catini per il grande risultato raggiunto”. A parlare è Anselmo Tomaino, uno dei propotori della lista Cuori per Fiumicino, inserita nell’alveo delle civiche a sostegno di Mario Baccini.

“Dobbiamo puntare a vincere il ballottaggio – afferma Tomaino – con lo spirito che nei diversi territori queste elezioni ci hanno insegnato: il centrodestra unito arriva al governo delle città. E’ importante dialogare con coloro con cui per anni abbiamo condiviso un percorso comune. L’apertura nei confronti della Lega e di Fratelli d’Italia non è solo corretta politicamente, è il segno di un percorso che l‘elettorato di centrodestra chiede per vedere finalmente le proprie istanze rappresentate dentro al Comune da chi ha possibilità di incidere sulle scelte che lo riguardano.
Non ci possiamo far sfuggire l’occasione per ridare al cetrodestra il governo della città.

La campagna elettorale è stata difficile – afferma Tomaino – anche con momenti di contrasto duro, ma ora è il momento di mettere da parte i personalismi e lavorare per il bene comune, della città e del centrodestra. Sono sicuro che il sindaco Baccini saprà presentare al senatore William De Vecchis e ai dirigenti locali di Fratelli d’Italia una proposta di governo della città capace di toccare tutte le corde del popolo del centrodestra, quel popolo che si riconosce anche nelle istanze di Lega e Fratelli d’Italia, e che adesso ha bisogno di risposte. Una programma di governo che dia la giusta importanza alle proposte contenute nei programmi di Lega e Fratelli d’Italia e delle figure politiche che lo rappresentano. Dopo lo scontro elettorale – conclude Tomaino – è il momento dell’equilibrio”.