Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, Masi (FI), ‘Rifiuti: è necessario un piano per affrontare l’emergenza, immediatamente’

Con le alte temperature, sale il rischio di possibili epidemie dovute ai rifiuti urbani abbandonati e lasciati marcire per giorni sulle strade

Ostia X Municipio – La questione dei rifiuti nel X Municipio sta diventando insopportabile, questo è quanto denunciano già da diverso tempo, Davide Bordoni (Consigliere Comunale e Coordinatore Romano di Forza Italia) e Mariacristina Masi  (Consigliere e Capogruppo di Forza Italia al X Municipio).

Come riportato nel nostro precedente articolo del mese scorso (clicca sul LINK per approfondimenti), ci occupammo del problema rifiuti e l’emergenza in cui verte il X Municipio, riportando anche le dichiarazioni di un illustre medico, dallo stesso rilasciate già nell’estate del 2016, in merito ai rischi di salute che correrebbero i cittadini.

Il Dott. Aldo Morrone, tra i più importanti infettivologi Italiani e Presidente dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia, primario e coordinatore scientifico dell’Istituto Dermatologico San Gallicano, metteva in allerta in merito al concreto rischio di possibili epidemie dovute ai rifiuti urbani abbandonati per giorni sulle strade che, lasciati marcire, richiamano topiinsettiuccelli ed altri animali.

Sull’argomento è tornata Mariacristina Masi, che dichiara – “Abbiamo posto la questione dell’emergenza rifiuti oggi in Consiglio, alla presenza del Presidente del Municipio, facendo presente il pericolo igienico ancora più probabile con le alte temperature. Sarà convocata a Luglio la Commissione che abbiamo richiesto per discutere con Ama e con l’Assessore come si intenda fronteggiare l’emergenza, non potendo attendere che sia estesa la differenziata porta a porta a tutti i quartieri, lasciando intere aree come discariche. In alcune zone di Acilia – conclude Masila situazione è al limite, i residenti sono preoccupati di dover affrontare l’estate tra la puzza e i rifiuti sulle strade. È necessario lavorare con Ama a un piano per affrontare l’emergenza, immediatamente“.

 

(Il Faro on line)