Seguici su

Cerca nel sito

A Ponza e Ventotene tutto pronto per la ricerca del Big Fish foto

Salite a bordo prodi pescatori … Si parte alla ricerca delle Lole e di sua maestà il pesce spada!

Più informazioni su

Ponza Ventotene – “Salite a bordo prodi pescatori … Si parte alla ricerca delle Lole e di sua maestà il pesce spada! I partecipanti scalpitano pronti per raggiungere l’Arcipelago Pontino”. E’ incredibile quante persone si stanno avvicinando alla Traina ed in particolare a quella d’Altura. Il Big Fish Tournament sta crescendo costantemente, lo dimostrano i 60 team che si affronteranno alla ricerca dei rostrati. Grazie anche alla location, l’Arcipelago Pontino, uno degli angoli più suggestivi del Mediterraneo per un evento interamente dedicato al mare.

Il programma della Big Fish Week

Prima tappa è il tradizionale Lola Trophy, Ponza 10-11 luglio, un trofeo giunto alla 16° edizione che ambisce ai predatori delle secche come Lole le ricciole e gli splendidi dentici. Lo spirito del trofeo è molto sentito anche perché a Ponza è nata la traina con il piombo guardiano. I pescatori dell’Isola sono considerati dei maestri di questa disciplina. Un motivo in più per condividere momenti appassionanti con chi vive il mare tutto l’anno con le tradizioni isolane.cavalletto banner 100x140 bassa

Dopo due giorni intorno alle coste di Ponza, ci si proietta in altura alla ricerca soprattutto dei rostrati, con una uscita libera al pesce spada ed il 12 luglio con il trofeo Billfish Big Fish Tournament che parte da Ponza con arrivo a Ventotene.

A seguire, 13-14-15 luglio a Ventotene con il classico trofeo di Traina d’Altura Big Fish Tournament

Nell’affascinante Porto Romano di 2000 anni di storia, si proietta la scenografia del trofeo più ambito ed entusiasmante di Traina d’Altura che si svolge in Italia. I team si mettono al lustro mostrando attrezzature per poter affrontare i Grandi Predatori che vivono in alto mare come il pesce spada, aguglie imperiali, alalunghe, tonni e lampughe. Inoltre, c’è la probabilità di incontrare i marlin bianchi, poiché negli ultimi anni sono stati presi fuori gara alcuni esemplari.

Il Big Fish, è momento di condivisione con aperitivi, Happy Hour, rinfreschi, musica. La manifestazione come già da alcuni anni abbraccia anche l’aspetto culinario con l’ormai  famosissima gara di Crudi “La Brigata del Big Fish” dove gli aspiranti chef si affronteranno per realizzare un piatto a base di alalunga preventivamente abbattuta.

Ci sarà una onorevole giuria di esperti tra cui la nostra madrina Chiara Giallonardo presentatrice di Linea Verde. Poi, i premi per le fotografie e video che rappresentano lo spirito dei singoli team e della manifestazione “Big Fish Spirit”.

Chi realizzerà il video del rilascio più emozionante (max 1 min.) vince dei premi tra cui 1000 punti validi ai fini della classifica. La migliore fotografia 200 punti. Non solo … il più bel video di max 2 minuti del team sulla manifestazione consegnato entro la settimana successiva all’evento, vince l’iscrizione al Big Fish Tournament 2019.

Inoltre, si continuerà ad effettuare i Tag & Release di aguglie imperiali iniziata lo scorso anno proprio al Big Fish.  Infatti, l’Iccat, ha ritenuto molto interessante l’idea di studiare l’aguglia imperiale approvando l’ampliamento del progetto di studi fino ad oggi ristretto al tonno rosso.  La Commissione Internazionale apprezza profondamente la nostra collaborazione per migliorare le attività di tagging.

Speriamo che questa importante iniziativa possa continuare in futuro per contribuire alla salvaguardia dei nostri amati rostrati. Si ringrazia già da adesso tutti i team partecipanti che contribuiranno riuscendo a filmare l’operazione con video amatoriali. N.B. per chi realizza i video con gli smartphone, si raccomanda di usare il telefono in posizione orizzontale.

Nella fase di taggatura, è importante che l’aguglia imperiale arrivi viva e vitale al momento del tag. Si raccomanda l’uso dei guanti per maneggiare il pesce. Per evitare sofferenza e rischio di incolumità, si consiglia di trainare il pesce affianco all’imbarcazione tenendolo per il rostro ad una andatura bassa prima del rilascio.

Il trofeo ha come base logistica Ventotene ma, trattandosi di pesca d’altura, la competizione si svolge parecchie miglia lontano dall’isola e dalla sua riserva.

Proprio la presenza della zona marina a protezione integrale ha fatto ricadere anche quest’anno la scelta su quest’Isola. Infatti, il messaggio che si vuole trasmettere agli appassionati di pesca è che non si può prescindere dal problema della salvaguardia degli ambienti marini e dei suoi abitanti. Anzi, i veri sportivi che amano e si sentono integrati con il mare sanno che occorre mantenere il giusto equilibrio tra passione per la pesca e doveroso rispetto del mare. E, infatti, obiettivo dell’Associazione Diportisti Arcipelago Pontino, organizzatrice dell’evento, è quello di promuovere la salvaguardia dell’habitat marino e, in particolare, delle specie in via di estinzione.

Ecologia ma anche solidarietà: il ricavato dalla vendita del pescato sarà devoluto  alla fondazione Onlus Operation Smile, organizzazione che da anni consente d’intervenire chirurgicamente su bambini affetti da patologie gravi del volto. Sale il desiderio, l’emozione e l’eccitazione … Solo al pensiero di essere protagonisti della 12ma edizione del Big Fish

E allora, pronti a salpare Nel frattempo, restate aggiornati con le prossime news su: https://www.facebook.com/swordfishweek/ Per contattare l’organizzazione: info@italiabigfish.com

Più informazioni su