Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Carta d’identità elettronica e donazione degli organi, a Gaeta continuano i corsi di formazione per l’ufficio anagrafe

L'intento è quello di fornire al personale dell'ufficio gli strumenti idonei per rispondere alle richieste del cittadino intenzionato a donare i proprio organi.

Gaeta – Proseguono i corsi di formazione del personale dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Gaeta tenuti dal personale medico dell’Asl e finalizzati al rilascio della nuova carta d’identità elettronica e alla possibilità di esprimere, durante il rinnovo, il consenso alla donazione degli organi.

Come si ricorderà, il 12 giugno scorso, il Comune di Gaeta ha attivato il servizio di rilascio della nuova Cei, (Leggi qui il nostro articolo al riguardo) come previsto dalle disposizioni Ministeriali introdotte dall’art. 10, comma 3 del D.L. 78/2015, convertito dalla legge 6 agosto 2015 n. 125. Con la finalità di rendere sempre più operativo il servizio offerto al cittadino, nei giorni scorsi il dottor Moreno Bartolomucci e il suo collega Domenico Cestra dell’Asl di Frosinone, hanno incontrato il personale illustrando il progetto “Una scelta in Comune”, attivo presso diversi comuni della Provincia di Latina tra cui Gaeta.

L’intento è quello di fornire al personale dell’ufficio gli strumenti idonei per rispondere alle richieste del cittadino intenzionato a donare i proprio organi.

“E’ importante sensibilizzare l’opinione pubblica sulla possibilità di scegliere, nel momento in cui si rinnova la carta di identità, di donare i propri organi per salvare la vita altrui” commenta il sindaco Cosmo Mitrano aggiungendo “non si tratta semplicemente di un’innovazione tecnologia ma di un percorso culturale e di sensibilizzazione su queste tematiche importanti”.

A curare gli aspetti normativi e gestionali che hanno consentito l’introduzione della nuova carta d’identità elettronica, il presidente della Commissione Cultura del Comune di Gaeta Gianna Conte presente anche al momento formativo.

“La nostra Amministrazione – sottolinea Conte –  ha aderito al progetto una Scelta in Comune per la donazione di organi attraverso la trasmissione dei dati direttamente al Sistema Informativo Trapianti (SIT)”.

“Una scelta -aggiunge il consigliere Conte – che può salvare la vita di molte persone, forse direi un vero e proprio dono prezioso che ognuno di noi può ricevere.

È fondamentale il prezioso ruolo svolto dalle associazioni – prosegue il Presidente della commissione cultura –  come l’Aido, presente da 25 anni con il gruppo comunale Alessandro Costantini, con più di 400 soci, che informa e sensibilizza la cittadinanza attraverso i diversi canali di comunicazione come l’indirizzo mail: gaeta@aido.it”.

“Come previsto dalle recenti Linee Guida predisposte dal Ministero – aggiunge il dottor Moreno Bartolomucci – ci sarà la possibilità per i maggiorenni, al momento della richiesta e rinnovo della carta d’identità elettronica (CIE), di acconsentire alla donazione degli organi e dei tessuti.

Basti considerare – conclude il medico dell’Asl – che un donatore può ridare o migliorare la vita a cinque persone grazie a un gesto generoso”.

Le giornate formative del personale dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Gaeta proseguiranno nei prossimi giorni.

(Il Faro on line)