Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

800 stile dorati per Simona Quadarella, campionessa europea

Agli Europei di Glasgow, l’Italia esordisce nel pomeriggio con una grande medaglia del primo posto. Quadarella da seguito al bronzo mondiale di Budapest

Il Faro on line – Anche la seconda giornata dei 34esimi campionati europei in svolgimento al Tollcross International Swimming Centre di Glasgow, si colora subito d’azzurro o meglio di rosa.

Simona Quadarella brilla d’oro negli 800 stile libero vinti in 8’16”35 record italiano storico che cancella l’8’17”21 con cui Alessia Filippi, in gommato, fu di bronzo ai Mondiali di Roma 2009.

Un successo più forte del dolore alla spalla avvertito in allenamento giovedì pomeriggio alla vigilia delle batterie che comunque supera con il miglior tempo (8’23”93). Una vittoria per la 19enne di Roma – tesserata per Fiamme Rosse e CC Aniene e allenata da Cristian Minotti – che da seguito al bronzo mondiale conquistato nei 1500 l’estate scorsa, al successo alle Universiadi di Taipei negli 800 e eni 1500 e alle medaglie d’oro nei 400 (con personale di 4’05″68) e negli 800 ai recenti Giochi del Mediterraneo di Tarragona. “E’ il mio primo record, un po’ me l’aspettavo ma è sempre una grande soddisfazione – spiega Quadarella, sesta italiana a medaglia nella specialità (2-1-3) per un gradino più alto del podio che mancava da Eindhoven 2008 quando a salirci fu proprio Alessia Filippi – nei 1500 proverò a fare il bis: sarebbe molto importante e il coronamento di un grande lavoro che sto portando avanti in queste stagioni”.

Questi i passaggi del record italiano di Quadarella – che deteneva la miglior prestazione in tessuto 8’20”54 siglata a Taipei lo scorso 25 agosto – ogni 100 metri: 1’00”14, 2’02”69, 3’05”83, 4’08”53, 5’10”68, 6’12”94, 7’15”53.

Quinto posto per Fabio Scozzoli nei 100 rana, nella gara vinta da Adam Peaty – campione olimpico e mondiale  – con il record del mondo in 57”00 che toglie tredici centesimi al 57”13 stampato dal baronetto britannico ai Giochi di Rio 2016. L’emiliano, invece – venticinque medaglie tra mondiali ed europei – chiude in 59”51, quarta prestazione personale all time, dopo essere passato secondo a metà gara in 27”58.

Foto Andrea Staccioli/deepbluemedia.eu

Fonte : Federnuoto.it