Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Torino-Roma 0-1 Buona la prima. Le pagelle.

Più informazioni su

Torino – Roma 0-1 con gol capolavoro di Edin Dzeko su meraviglioso assist di Justin Kluivert, si è rivelata quella che il Mister Di Francesco sospettava, una partita tosta, insidiosa, da giocare con il massimo della concentrazione, quella concentrazione che alla ripresa del secondo tempo  sembrava fosse smarrita dai suoi uomini, fino al gol giustamente annullato dal VAR, salutare scossa per svegliare i giallorossi.

Olsen: 6 – una sufficienza di incoraggiamento, nonostante uno svarione che poteva costar caro; lo svedesone però ha poi parato bene, specie in un paio buone occasioni per il Toro, ma deve ancora lavorare per crearsi l’alone di tranquillità e sicurezza che ha lasciato Alisson. La sensazione è che Robin, come Batman, possa essere più fortunato che bravo, anche se bravo lo è di sicuro;

Florenzi: 6 – buon primo tempo, con un paio di ottimi strappi ed anticipi, una conclusione al volo che era gol, peccato che a portiere granata battuto lo stinco di un difensore ha respinto la sua bomba; secondo tempo normale amministrazione;

Manolas: 8 – monumentale nel primo tempo, nel secondo però sempre concentrato e padrone del reparto, ma soprattutto in grande condizione fisico-mentale, in pieno stile Roma-Barcellona, come testimonia la foto della sua esultanza a fine partita;

Fazio: 5,5 – in ritardo di condizione, prevedibile e lento al punto che più di una volta il pressing granata gli ha fatto perdere la palla; sappiamo però del suo valore e lo aspettiamo quanto prima che torni il Comandante;

Kolarov: 6 – per la condizione vale quanto detto per Fazio, ma il suo carisma c’è sempre e si fa sentire;

DDR: 6 – tanto lavoro sporco, oscuro, ma quello che oggi serviva, qualche errore di troppo nei passaggi, ma sempre il primo punto di riferimento per i difensori per la preparazione della fase offensiva;

Strootman: 6 – idem come DDR con in più tanto vigore agonistico specialmente con il possente Meite;

Pastore: 6 – il grande atteso; buon primo tempo con un tentativo di conclusione a rete rimpallato da un difensore, poi normale amministrazione ma da lui ci aspetta la luce, che ha nei suoi numeri: interessante, anche se durato troppo poco, l’esperimento di schierarlo, verso la fine del secondo tempo, all’ala sinistra, modello 4-3-3 Zemaniano nel ruolo che ricopriva il Capitano e sicuramente da riproporre;

Under: 6 – generoso ma anche un po’ confusionario; sono necessarie altre partite titolare;

El Shaarawy: 5,5 –  un po’ sottotono nonostante la maglia da titolare, però sempre presente, anche in fase difensiva; la filiera di sinistra con Kolarov ha però funzionato poco;

Dzeko: 9 – ha fatto tutto; un gol capolavoro, alla Van Basten, ha lottato, ha preso botte, diverse conclusioni, 87% di passaggi utili; retrocedeva per guadagnarsi la palla e ha difeso, soprattutto sulle palla inattive del Toro vincendo tutti i duelli aerei; chi ancora lo critica si dia al burraco!;

Cristante: 6 – di incoraggiamento, come accennato dal Mister in conferenza stampa di presentazione della partita, ci sono state le possibilità di vedere schierati insieme Cristante e Pastore (Brian ha preso il posto di El Shaarawy), deve ancora lavorare, specialmente dal punto di vista tattico;

Kluivert: 8 – entra al posto di Under e cambia il volto della partita entrando subito nel clima; sontuoso il suo assist per Dzeko che l ringrazierà con un gol favoloso;

Schick: 6 – entra al posto di Pastore; anche per lui il Mister risolve il dualismo, inesistente,con Dzeko; generoso e sempre nel mezzo delle azioni d’attacco che dal momento in cui è entrato, il 75°, fino alla fine della gara, la Roma era riuscita a creare; la sua classe esploderà prestissimo.

Di Francesco: 7 – Eusebio, che la perla nera del Mozambico t’accompagni !

Più informazioni su