Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Lazio, Aurigemma (Fi): “Regione e Arpa facciano chiarezza su mare di Ardea e Pomezia”

Il Consigliere regionale: "E' necessario che tutti gli Enti competenti facciano chiarezza su quanto sta accadendo, al fine di verificare le eventuali cause"

Regione Lazio – “Bisogna mantenere alta l’attenzione sulla questione ambientale relativa al litorale di Ardea e Pomezia, dove i sindaci hanno emesso una ordinanza di divieto di balneazione sui tratti di mare interessati, a seguito della segnalazione della Capitaneria di Porto in merito ad un presunto scarico di liquami- fanghi dai fossi dell’Incastro e di Rio torto.

E’ necessario che tutti gli Enti competenti facciano chiarezza su quanto sta accadendo, al fine di verificare le eventuali cause. Adesso, attendiamo i risultati del lavoro della Regione, in primis dell’Arpa, per comprendere bene e con cognizione di causa la realtà. E’ fondamentale fornire risposte precise al fine anche di tutelare queste aree, sia sotto il profilo ambientale che commerciale, visto che tali zone, soprattutto nel periodo estivo, sono importanti mete turistiche che registrano un aumento di popolazione, con ricadute positive anche per quanto riguarda l’economia e l’indotto in generale.

Dunque, il buon andamento della stagione estiva è indispensabile al fine di salvaguardare il tessuto produttivo di queste località di mare, che rappresentano un punto di riferimento per i cittadini laziali. Su tale vicenda, sono giorni che la consigliera comunale di Ardea Raffaella Neocliti sta ponendo in risalto la situazione, di assoluta rilevanza e delicatezza, in particolar modo dal punto di vista ambientale, e auspichiamo perciò si possa trovare una soluzione adeguata per tutelare il nostro litorale” – lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma.

(Il Faro on line)