Seguici su

Cerca nel sito

Spinaceto invasa dai cinghiali, Santori: “Continua l’immobilismo della Regione” – Video

Appello della Lega Salvini a Corpo Forestale e dei Carabinieri e al presidente Zingaretti: "Si ponga fine a questa invasione che coinvolge anche altri parchi"

Più informazioni su

Roma – “Il video e le foto che circolano tra i residenti e frequentatori dei parchi di Spinaceto, nella periferia sud ovest di Roma, non lasciano spazio a interpretazioni: i cinghiali ormai pascolano indisturbati nelle aree verdi dei quartieri della Capitale e caricano persone e cani mettendo a repentaglio la vita di tanti, oltre a provocare danni per migliaia di euro ad agricoltori e allevatori” lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, dirigente romano della Lega Salvini.

L’ultimo episodio è risale all’altra sera, quando un uomo di 62 anni, ha subito una carica da un grosso cinghiale, che aveva al seguito dei cuccioli. L’animale si è lanciato verso il cane dell’uomo, un boxer di taglia grande, con il chiaro intento di fargli del male, probabilmente per “proteggere” i cuccioli.  Il 62enne è riuscito a indietreggiare togliendo il suo cane dalle grinfie dell’animale, finendo tuttavia con una spalla gravemente lussata e altri traumi.

L’allarme cinghiali era già scattato ad agosto ma nessuno aveva risposto agli appelli dei cittadini. Ora le aggressioni sono aumentate e se ne contano almeno dieci solo nell’ultimo mese. Per questi motivi molte famiglie hanno deciso di non frequentare più con i loro figli o i loro cani i parchi della zona. Siamo certi che gli ungulati provengo dai parchi protetti di Castel Porziano e di Decima Malafede“, aggiunge l’esponente della Lega.

Poi l’accusa: “Per questo sul tema dell’invasione dei cinghiali e sui loro potenziali pericoli puntiamo il dito contro il gravissimo immobilismo della Regione Lazio, che ha il pieno controllo delle riserve naturali del territorio così come peraltro dimostrato dalla mancata applicazione della Direttiva per l’individuazione dei criteri di attuazione dei prelievi faunistici ed abbattimenti selettivi, necessari per ricomporre squilibri ecologici”.

“Ad oggi non abbiamo neanche contezza sull’indagine che la Procura di Roma, dopo l’incidente che in via dell’Inviolatella Borghese a Roma nord nel marzo del 2017 costò la vita ad un 49enne – aggiunge Santori -, aveva deciso di aprire per capire se da parte degli enti gestori dei parchi ci siano state delle negligenze“.

“A questo punto rivolgiamo un nuovo appello al Corpo Forestale dei Carabinieri e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti affinché si ponga fine a questa invasione che coinvolge anche altri parchi come quello di Vejo, Caffarella, Pineto, il Parco degli Acquedotti e Villa Ada, la riserva Naturale dell’Insugherata, Villa Pamphilj così come il Litorale romano” conclude Santori.

(Il Faro online)

Più informazioni su