Seguici su

Cerca nel sito

Scuole e degrado, Russo D’Auria: “Guardiamo con gli occhi dei bambini”

Il Comune sta facendo molto, ma non basta. Bisogna dare il senso di accoglienza e di bellezza"

Più informazioni su

Fiumicino – “A pochi giorni dall’apertura delle scuole, e dopo aver sentito le segnalazioni di diversi cittadini sullo stato delle scuole, viene da fare un pensiero: non guardiamo le cose con gli occhi degli adulti ma con quelli dei bambini. Loro hanno bisogno di sentirsi bene…”

A parlare è Mario Russo D’Auria, reduce da un sopralluogo in via Coni Zugna. “Indubbiamente il Comune sta facendo molto, prova ne sia la costruzione di un bellissimo nuovo plesso proprio in via Coni Zugna, ma guardando dall’altra parte si vede evidente il degrado e l’incuria. Non serve polemizzare come fanno in tanti, ma riflettere insieme. E bisogna farlo – dice Russo D’Auria – dal punto di vista dei bambini. Loro cosa vedono?

Quella che noi definiamo erba alta, ai loro occhi è una foresta, i calcinacci sono massi pericolosi, i muri scrostati restituiscono loro un senso di abbandono che inevitabilmente influisce anche sul loro carattere. I bambini si devono sentire accolti, sicuri, tranquilli. Devono potersi muovere senza divieti di transito per lavori in corso o, peggio, lavori in stallo. Dobbiamo abituarli a vedere il bello fin da piccoli, se non vogliamo che le loro menti si assufacciano al brutto, allo sporco, all’inefficiente considerandolo normalità.

Costruiamo uomini del domani che ambiscano a mantenere pulito ed efficiente l’ambiente, e dobbiamo farlo consegnandogli adesso aule, scuole e giardini dignitosi.

Non parlo solo del plesso di via Coni Zugna, ma più in generale del territorio. Dobbiamo recuperare un’ottica meno politica e più familiare nell’affrontare questi problemi. Non è questione di budget o di competenze, ma di dignità dei nostri figli”.

Più informazioni su