Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Pomezia, Voucher per asili nido e scuole dell’infanzia

Alle famiglie che ne avranno diritto verrà concesso il contributo, per un massimo di dieci mesi, equivalente a 100,00 euro mensili

Pomezia- Concessi voucher per tutte le famiglie in lista d’attesa per asili nido e scuola dell’infanzia dell’anno scolastico 2018/2019. Destinati alle famiglie con figli di età compresa tra i 0-5 anni in lista di attesa nelle graduatorie per l’iscrizione definitiva dei loro figli agli asili nido comunali e alle scuole d’infanzia comunali e statali di Pomezia. I voucher verranno concessi a chi ha già effettuato l’iscrizione a un servizio educativo privato che non superi ai 20.000 euro, con un ulteriore attestazione ISEE 2018.

Un contributo importante per le famiglie di Pomeziaspiega l’Assessore Miriam Delvecchio – In base alle graduatorie degli asili nido e delle scuole dell’infanzia comunali sono rimaste in lista d’attesa 145 famiglie (85 per l’infanzia e 60 per il nido, ndr), a cui è necessario, in base al reddito, dare un sostegno economico per sostenere le spese di un servizio privato. Abbiamo inoltre esteso i voucher a chi è rimasto escluso dalle scuole dell’infanzia statali”.

Il contributo verrà concesso per un massimo di dieci mesi, che equivale a 100,00 euro mensili. Il contributo verrà concesso solo per le scuole situate nel territorio del comune di Pomezia e i beneficiari verranno depennati dalle liste di attesa degli asili nido comunali e delle scuole dell’infanzia comunali.

Pomezia può vantare due asili nido e quattro scuole dell’infanzia comunali d’eccellenza, che ospitano in totale circa 600 bambini dai 0 ai 5 anni, di cui 262 in ingresso per l’anno scolastico appena iniziato – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà – Nonostante ciò sono numerosi i bambini che rimangono in lista d’attesa, le cui famiglie sono spesso costrette a rivolgersi a strutture private. L’obiettivo dell’avviso in oggetto è proprio quello di mettere a disposizione delle famiglie un aiuto economico, facilitando la conciliazione dei tempi tra vita familiare e vita lavorativa e incentivando una maggiore partecipazione al mercato del lavoro delle donne, su cui nella maggior parte dei casi ricade il lavoro di cura dei figli”-Queste le parole del sindaco Adriano Zuccalà.

(Clicca sul LINK per scaricare la locandina)

(Clicca sul LINK per maggiori informazioni)

(il faro on line)