Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, cade da una finestra in albergo e muore. Indagine per omicidio colposo

Non ce l’ha fatta il 69enne caduto lunedì 17 settembre in un albergo del Lungomare. L’eliambulanza era atterrata per lui sul Pontile

Ostia – E’ caduto mentre stava effettuando la riparazione di una finestra in un albergo del lungomare Paolo Toscanelli. Nel disperato tentativo di salvarlo, l’Ares 118 aveva fatto atterrare in pieno giorno l’eliambulanza  davanti al Pontile bloccando il traffico per qualche minuto. Ora sulle cause della sua morte si indaga per omicidio colposo.

Non ce l’ha fatta Giacomo Martini, 69 anni, ostiense residente in via Francesco Grenet. Nella caduta avvenuta lunedì mattina all’interno di un albergo del lungomare Paolo Toscanelli in circostanze al vaglio degli investigatori, aveva riportato profondi traumi, tra i quali la frattura della scatola cranica e di un femore.  In ragione delle sue condizioni disperate, i soccorritori dell’Ares 118 avevano fatto intervenire l’eliambulanza per il suo rapido trasferimento al San Camillo di Roma e la Polizia locale aveva autorizzato l’atterraggio in piazzale dei Ravennati, proprio davanti al Pontile tra la curiosità dei passanti, come racconta questo articolo con video.

Giacomo Martini è deceduto il giorno dopo, martedì 18 settembre e sul suo corpo presso l’Istituto di Medicina legale dell’Università La Sapienza è stata effettuato l’esame autoptico per disposizione dell’autorità giudiziaria che ha aperto un fascicolo per l’ipotesi di omicidio colposo nei confronti dell’amministratore della società proprietaria dell’albergo.

I funerali di Giacomo Martini si terranno martedì 25 settembre alle ore 10.00 presso la chiesa di Regina Pacis.