Seguici su

Cerca nel sito

Buenos Aires 2018, otto podi olimpici per l’Italia dei giovani, Di Veroli oro nella scherma

Un settore giovanile eccezionale, quello italiano. In Argentina, già grandi. Successi storici. Due medaglie personali da Ceccon nel nuoto. Anche il triathlon azzurro festeggia il suo primo podio olimpico per l’Italia.

Il Faro on line – Festeggia otto podi olimpici, l’Italia in Argentina. Sono in svolgimento in queste ore, le Olimpiadi Giovanili Estive a Buenos Aries.

Gli azzurri hanno firmato successi importanti da mettere in bacheca e da scrivere nella storia di una competizione, che da sempre sorride alla delegazione tricolore. E allora, ecco la prima medaglia d’oro. Dalla scherma.

E’ arrivata da Davide Di Veroli dalla spada maschile. Il portabandiera azzurro, alla cerimonia di apertura di sabato scorso, si è preso il titolo più ambito. Il sogno dei sogni. Quello olimpico. Ma non solo.

La medaglia di Davide si inserisce in un carnèè già pieno e positivo. E non è l’unica nella scherma. Nella classe femminile, Martina Favaretto si è presa l’argento nel fioretto individuale. Un bottino che promette il meglio per l’Italia, per i prossimi giorni. Altre medaglie allora, da applaudire. Nella seconda giornata di gare, sono giunti due podi. Entrambi nel pattinaggio a rotelle. Vincenzo Maiorca ha vinto l’argento nella combinata dei 500 metri sprint. In campo femminile, è stata Giorgia Valanzano a proseguire la striscia di sorrisi. Un bronzo per l’atleta italiana e nella stessa specialità di Vincenzo.

Ha segnato il nuoto, il suo passo alle Olimpiadi Giovanili. Thomas Ceccon ha fatto il bis personale. Un bronzo per lui nei 100 metri dorso e poi un prezioso argento nei 200 misti (con 2:01:29). E nel dorso si è preso pure il record italiano junior con il tempo di 53.65. Fa seguito Thomas, all’argento di Marco De Tullio nei 400 stile libero, al termine di una vibrante finale.

Anche il triathlon partecipa alla festa. Alessio Crociani ha aperto la mattina della seconda giornata di competizioni, con un successo italiano. Ha dominato nel nuoto e nel ciclismo. Ha fatto la sua gara poi in corsa, verso il traguardo e si è preso il terzo posto olimpico. Un bronzo bellissimo.

Sempre nei primi 10 posti gli azzurri, anche se senza medaglia. Nel judo, Veronica Toniolo è arrivata quinta nei 52 chilogrammi. Sofia Benette è giunta settima nella carabina dei 10 metri. Giulia Imperio ha terminato la sua gara dolo 3 nulli nello strappo. Nella gara del sollevamento pesi. Ai quarti di finale, Mattia Schinco e Alessandra Cortesia sono usciti nella break dance.

Foto : Augusto Bizzi